Archivio mensile:agosto 2017

Portovenere (SP): il red carpet lascia sulla strada chiodi e spese misteriose

Ben lontana dall’essere chiarita, la storia delle spese per installazione, rimozione e smaltimento del red carpet, lascia come ulteriore strascico i chiodi sulla scalinata di S. Pietro.

Del tappeto rosso, molto discutibile iniziativa (ad essere gentili) della giunta regionale di Giovanni Toti, si è scritto molto e molto male. Basta vedere la galleria fotografica degli orrori che gira in rete, grazie alla raccolta di Federico Valerio, oltre ad una piccola parte che riguarda Portovenere pubblicata da me. In realtà, la questione per Portovenere non si è conclusa qui: sono rimasti ancora molti chiodi piantati nella pavimentazione nella parte finale del carrugio e sulla scalinata che porta alla chiesa di S. Pietro. Una cosa orribile che ho documentato, parzialmente, questa sera (30 agosto 2017), ben dopo la cosiddetta rimozione. Come visibile da una parte delle fotografie scattate, diversi chiodi hanno ancora lembi di tappeto.

30.08.17 – Portovenere (SP) : i chiodi del red carpet rimasti sulla scalinata storico-monumentale

Oltre agli aspetti estetici e danni, per Portovenere è rimasta sconosciuta la questione spese, almeno per il pubblico. Ho chiesto pubblicamente più volte, visto che sindaci vari avevano accettato o meno, sobbarcandosi spese o rifiutando il tappeto (proprio per le spese), che il Comune di Portovenere pubblicasse i relativi documenti. Di questo nulla è apparso, tranne la banale e succinta delibera di “Adesione e patrocinio – Campagna dei red carpets”. Dal titolo, in effetti, sembra riguardare un gruppo musicale pop-folk. Ad ogni modo, nel documento si scrive: “… VISTA la richiesta di adesione e supporto presentata all’Amministrazione per la buona riuscita dell’evento…“, ed è curioso che in tutta la stringatissima delibera non appaia il nome/titolo del richiedente. Curioso.

Poi ho letto un’intervista in cui il sindaco Matteo Cozzani diceva: Il red carpet è stato una perfetta operazione di marketing che al Comune non è costata nemmeno un euro. Il costo del personale per l’installazione è stato sostenuto dall’impresa alla quale ci siamo rivolti come sponsorizzazione, mentre la spesa materiale del tappeto è stata sostenuta dalla Regione.“. In questo articolo sotto, invece, si scrive: “Ai sindaci che hanno aderito, è stato richiesto di curare il posizionamento e la manutenzione.“.

In realtà ci sarebbe anche la rimozione e lo smaltimento. Quindi mi sono chiesto e ho chiesto: Portovenere è l’unico Comune che è riuscito a fare tutto senza spendere un euro? Eppoi, quale sarebbe questa ditta che si è accontentata della sponsorizzazione? Mi sarà sfuggito, ma non ne so il nome. Dove sarebbe apparso? Manifesti? E soprattutto (ad oggi) non è apparso nulla all’albo pretorio, di cui sono attento lettore. Può pubblicare il sindaco, gli accordi di sponsorizzazione che diano spiegazione in merito alle non spese di installazione, rimozione e smaltimento? Grazie.

Detto fatto, il sindaco risponde non a me, dato che non ho più l’onore da tempo di poter intervenire sul suo gruppo di fan preferito, visto che da lì sono stato espulso e censurato (e altro). Risponde in questo modo: “… noi abbiamo semplicemente chiesto alla ditta che ci fa il service per gli eventi quanto voleva per l’installazione… ce lo hanno fatto come sponsorizzazione.“.

Beh si, perché formalizzare? Siamo tra noi, un ente pubblico e una ditta privata. Ma poi quale sarebbe la ditta? E dove appare la sponsorizzazione?

Insomma, qui mi parte l’embolo. Mi scusi sig. sindaco Matteo Cozzani, ma sta scherzando o scrive seriamente? Lei è bravo con le parole, peccato che ci siano cose che non funzionino in questo modo. Lei è l’amministratore di un ente pubblico, non di casa sua. Se lei ottiene un “favore” come ente pubblico, questo “favore” lo deve comunque formalizzare, per correttezza, per trasparenza (soprattutto), per dovere istituzionale (per dovere appunto), anche per evitare che possano esserci, ad esempio, ipotizzati scambi di favori poco chiari. Lei non deve dare adito nemmeno ad ipotesi in merito all’uso del proprio ruolo. Un amministratore pubblico deve agire con formalità e trasparenza. Qui non vedo entrambe le cose. Ci sono accordi di sponsorizzazione con questa ditta? Li pubblichi! Soprattutto con una vicenda in corso, come la questione della sponsorizzazione occulta dell’Autorità Portuale, lei dovrebbe agire nella massima trasparenza, non come pare a me tanto i cittadini sono contenti. Io non sono contento, sig. sindaco, di queste modalità opache. Se una ditta (che ancora non sappiamo quale sia) accetta di fare un lavoro gratis (ci sono anche i chiodi da togliere), o con uno scambio di sponsorizzazione, sarebbe il minimo che apparisse in giro una cosa del genere: “L’installazione, la rimozione e lo smaltimento del red carpet sono state sponsorizzate dalla ditta Pinco Palla di Pinco Palla Giuseppe” e che venissero pubblicati gli atti formali. Mi spiace sig. sindaco, non accetto questa faciloneria da un amministratore pubblico.

Detto questo, ovviamente senza risposta alcuna, arriva l’articolo di Sondra Coggio.

Che per fortuna (o sfortuna per altri) fa la giornalista, non si limita alle notizie dei comunicati stampa. Approfondisce, scopre il nome della ditta. Giusto perché era uno sponsor. Anche a lei (evidentemente), la questione risulta poco chiara e trasparente e scrive. E il sindaco che fa? Risponde come dovrebbe rispondere un amministratore pubblico? No, la “banna” dal proprio profilo personale su Facebook. Beh, che dire: è la stampa bellezza! Una presa di posizione non proprio responsabile e adulta, segno evidente di debolezza. Io, francamente, mi chiedo se il sindaco non abbia bisogno di aiuto, magari da una persona che sia in grado di ricoprire più adeguatamente il ruolo. Per la verità la questione dell’Autorità Portuale, anche lì con sponsorizzazioni e versamenti di soldi alle ditte di famiglia e personale, mi pareva ben sufficiente per rassegnare le dimissioni, se non altro per opportunità etica. Ma se proprio vuole rimanere fino a fine mandato, almeno si faccia supportare da qualcuno che sappia come muoversi. Non scordiamo, però, che rimangono queste domande: la rimozione del tappeto, con i chiodi rimasti piantati, è stata fatta dalla solita ditta? E dello smaltimento che ci dice sindaco? Sarebbe bene avere documenti non chiacchiere. Questo non per un favore verso di me, ma per un dovere suo nei confronti della cittadinanza. Grazie.

Ex Casa Carassale alla Palmaria e oneri mancanti de “Le Terrazze”: la svendita non aiuta

La vendita della ex Casa Carassale all’isola Palmaria doveva servire a ripianare i costi per la mancata messa in opera, da circa dieci anni, del prolungamento della passeggiata all’Olivo di Portovenere, oneri di urbanizzazione a carico dei titolari della struttura turistica “Le Terrazze”. Il costo calcolato ad oggi che peserebbe sulla comunità ammonta ad € 657.804,40.

Portovenere (SP) 2015: Stabilimento Le Terrazze

Ma cosa c’entrano i mancati oneri di urbanizzazione per una struttura sino ad oggi mai edificata (prolungamento della passeggiata a mare dell’Olivo) e a scomputo, ovvero a maggior costo per i cittadini in proporzione al tempo trascorso dal suo computo iniziale, con la vendita all’asta della ex Casa Carassale sull’isola Palmaria?

Già, cosa c’entra l’asta e la passeggiata? Me lo sono chiesto pure io, fino a che ho letto il verbale di Consiglio Comunale del 14.12.16 (v. pag. 5 del verbale di seduta). In quel verbale è il sig. sindaco Matteo Cozzani che mette in diretta correlazione le due cose e afferma:

Sulla destinazione invece dei proventi della vendita di Villa Carassale credo di essere stato abbastanza chiaro. Sicuramente a base d’asta mettiamo una cifra che ci permetterà di chiudere finalmente la partita delle Terrazze per cui il completamento della passeggiata e quello credo che dal 2004 se non sbaglio la gente si sta aspettando e non siamo riusciti ancora a farlo e sono passate un po’ di amministrazioni compreso il commissario prefettizio, per cui credo che quello sarà un obiettivo che riusciamo a traguardare e l’abbiamo messo nel nostro programma elettorale, per cui non ci discostiamo assolutamente da quelle che erano le nostre previsioni, e in più tutto quello che avanzerà verrà utilizzato come rampa di lancio per eventuali altre opere importanti.
Missione compiuta sindaco? No, pare proprio di no, dopo la terza asta andata deserta, che implica un nuovo abbassamento del 20% sul prezzo base, ovvero da € 384.000 a € 307.200. Siamo ormai al 50% del prezzo iniziale di 600 mila euro. A quanto pare la faticosa partita per il prolungamento della passeggiata a mare è lontano dal concludersi.  Se ne deduce anche dal Documento Unico di Programmazione 2018 – 2020 (pagg.104 e 106) allegato alla delibera di Giunta Comunale n.163 del 31.07.17, in cui il costo a carico della comunità per tale opera rimane fermo a € 657.804,40, proprio come nel mio precedente articolo in cui ne descrivevo i dettagli, anche se la tempistica di realizzazione continua a slittare fino al 2020. A tale ammonterebbe, perciò, l’incremento dei costi per le tasche dei contribuenti. La spesa complessiva di progetto del computo originario (2003) a carico del soggetto attuatore (Le Terrazze), che secondo la convenzione del 2004 sarebbe a scomputo, era di (soli) € 180.059,80, evidentemente ora calcolate con gli interessi legali della fidejussione stipulata allora, ad € 209.000. Il tutto per un costo globale dell’opera di € 866.804,40, includendo i 657.804,40 euro che verrebbero versati dal Comune, cioè noi/voi. Le opere di consolidamento costiero, incluse nello stesso progetto e con esso computate, farebbero poi pensare ad ulteriori costi, visto che il mare ha eroso ulteriormente spiaggetta e muro di contenimento posti lungo il percorso della passeggiata.
A ciò si aggiunge la vendita anche della Casa del Capitano, un edificio storico residenziale (del valore di € 372.000), al momento locato, se non erro. Tale vendita, assieme alla ex Casa Carassale, per alcuni articoli online, sarebbe strumentale alla spesa per le asfaltature stradali. Poche idee ma ben confuse a quanto pare. Quello che è sicuro è che tutto ciò farebbe pensare a necessità impellenti di bilancio.

Come fare un pontile galleggiante senza autorizzazione paesaggistica. Il caso Le Terrazze a Portovenere (SP)

Pontile o piattaforma? Ecco l’ultimo trucco per mettere un pontile galleggiante senza bisogno di autorizzazione paesaggistica. Allo stabilimento “Le Terrazze”, per ora, funziona.

Qui apriamo, o meglio, riapriamo uno dei capitoli della tanto travagliata questione della struttura turistica ricettiva “Le Terrazze” di Portovenere. E’ un capitolo minore, ma dà l’idea di quale tenacia si possa avere nel riproporre un manufatto che era già stato rimosso più volte. Non vi faccio la storia completa perché sarebbe noiosa (ma anche un po’ comica), vi propongo un estratto e l’aggiornamento ai giorni nostri.

Per anni, presso lo stabilimento “Le Terrazze”, abbiamo visto un pontile galleggiante, documentato anche da satelliti, o più semplicemente da fotografie aeree della Regione, ma anche dallo stesso titolare con foto pubblicitarie e striscioni. Ebbene, questo pontile, non presente nel P.U.D. (piano di utilizzo del demanio) comunale stava miracolosamente e magicamente sempre presente sul mare, estate, autunno, inverno, primavera, e via dicendo per anni, senza venire mai rimosso. Poi un bel giorno del 2014, dopo essere stato querelato dal sindaco per la storia dei parcheggi pubblici (che rimane ancora da essere chiarita e risolta), il sottoscritto decise di aprire, assieme al capitolo principale,  altri capitoli poco chiari, tra cui questo, quello del pontile fantasma, un pontile che c’è ma non è nel P.U.D.. Da quel momento quel pontile ebbe vita grama, riapparve senza autorizzazioni nel giugno del 2015 e poco dopo i miei accessi e segnalazioni sparì nuovamente. Non riapparve nel 2016, mentre è riapparso nei primi giorni di luglio di quest’anno.

Ebbene, pochi mesi prima, era stata pubblicata all’albo pretorio istanza di autorizzazione demaniale ad occupare uno specchio acqueo con una “piattaforma” galleggiante di m 12 x 2,50, proprio in relazione a “Le Terrazze”. In quell’occasione scoprii una bella novità che però non sembrava nuova, perché gli articoli di legge a cui si riferiva erano ben più vecchi:

risulterebbe prevista una nuova forma semplificata di autorizzazione paesaggistica per la quale una piattaforma galleggiante, se posizionata per meno di 120 gg. NON necessita di autorizzazione paesaggistica, ma rientra nella definizione di edilizia “libera” (!!!). Qualora la “piattaforma” sia messa in opera per un periodo inferiore a 120 gg., può configurarsi sotto il profilo di intervento di edilizia “libera”, ex art. 21, c. 1, L.R. Regione Liguria n.16/08 e ss. mm. ed ii., e sotto il profilo paesaggistico intervento esonerato dall’autorizzazione paesaggistica ai sensi del D.Lgs. n. 42 del 22/01/2004, art.149 (v. all. I al D.P.R. n.139/2010, punto 38).

Ma mi chiedo, per qualsiasi misura? Pure per una piattaforma di 50 o 100 metri? A parte ciò dove sta il trucco se c’è? E il trucco c’è, sta nella parola “piattaforma”. Ovvero nel fare un pontile che sembri una piattaforma, in quanto, grande genialata di qualche avvocato delle alte sfere, la piattaforma non è ancorata permanentemente alla terraferma e perciò, per la Soprintendenza, non ha impatti paesaggistici perché l’impatto parte dalla battigia verso terra (!!!). Bene, quindi, se vi costruite una casa galleggiante con luci da luna park in zona UNESCO va benissimo. A questo punto consiglierei a Toti & C. di fare tanti red carpet galleggianti, proprio come Christo (l’artista impacchettatore), quando ha messo le passerelle galleggianti sul lago di Iseo. Oddio adesso lo fa davvero!

Ma veniamo a noi al pontile… ops… alla piattaforma sistemata nei primi giorni di luglio davanti a “Le Terrazze”, lo vedete in foto. Che ne dite? Si capisce è una piattaforma. Se guardate il dettaglio si capisce che alcuni di quei cavi in basso sono per bellezza, non per fissare la piattaforma a terra. No, vero? Eppoi la passerella. Che dite si alza? Io dico di no, perché non vedo tiranti e mi sa tanto che rimane abbassata fino a che non levano tutto, pure la “piattaforma”.

Beh, vediamo se la “piattaforma” avrà vita tranquilla dopo le mie segnalazioni alle autorità che se la pigliano con calma (è agosto), ma magari si è ancora in tempo per un miracolo.