Portovenere: partecipate comunali, un po’ di trasparenza – Parte II

Per le iniziative territoriali 2016-17 promosse dalla Porto Venere Servizi Portuali e Turistici s.r.l., percepiscono i maggiori introiti il Grand Hotel di Portovenere, il Bar Gelateria al Gabbiano, l’affitta camere “La Darsena” di Giovanni Dotti e “Garbo Wine and Food” di Andrea Cavallo. La società sportiva Forza e Coraggio di Le Grazie, riceve un sostanzioso sostegno diretto e indiretto, per le proprie attività sociali.

In questa seconda parte mi soffermerò esclusivamente sulla Porto Venere Servizi Portuali e Turistici s.r.l., che ha limitato al minimo le evidenze documentali relative al mio accesso agli atti. La mia ricerca si è limitata alle attività di “promozione del territorio e lo sviluppo del marketing territoriale del Comune di Porto Venere“, per i soli anni 2016-17, proprio come definito al primo punto del loro oggetto sociale. Ho quindi ristretto l’analisi ad un preciso capitolo, o ambito di spesa e non all’intero bilancio.

Come scritto nel precedente articolo, la Porto Venere Servizi Portuali e Turistici s.r.l., capitale sociale 100.000 euro, è al 51,12% partecipata comunale e per il resto ad azionariato diffuso. Gran parte dei soci di minoranza posseggono lo 0,47% delle quote per un valore di 470 euro, un paio di soci detengono lo 0,94% e poi vengono gli altri, poco più di un centinaio in tutto. Nella lettera inviata dal C.d.A. mi specificano che la società non è controllata dal Comune di Portovenere. Interessante, avrebbe una guida del tutto autonoma dall’amministrazione comunale. Le entrate sarebbero dovute esclusivamente alle attività svolte: porto di Portovenere, stabilimento Arenella, porto delle Grazie, pontile Lulworth, gru di Portovenere, gru delle Grazie e gru di Fezzano. Opera in un mercato concorrenziale.

Nell’ambito della promozione territoriale, mi specificano che l’evento “Azimut Rendez-V Marine” del 7, 8 e 9 luglio 2017, che ha visto impedito l’accesso pubblico alla banchina del porticciolo di Portovenere, è stato organizzato dalla sola V Marine s.r.l., la quale ha noleggiato n.32 ormeggi. Si mantengono riservati in merito all’entità delle due fatture emesse per tale occasione ma, a quanto traggo da giornali e social, l’ammontare percepito sarebbe stato di 15.000 euro, oltre a presunte ricadute presso gli esercenti locali. Il Comune, in tutto ciò, non avrebbe avuto alcuna gestione diretta o indiretta. La società, in quanto concessionaria, mi scrivono, può disporre la chiusura degli accessi al porticciolo (ad esempio per la piscina naturale, o altri eventi come regate), senza per ciò andare in contrasto con le prescrizioni demaniali a proprio carico.

Quindi, per gli anni 2016-17, la maggiore voce di spesa per la promozione del territorio è dovuta all’organizzazione delle regate Melges. In tale ambito, le spese riguardano pagamenti agli operatori economici del territorio di Portovenere, per pernottamenti, pranzi e cene. Oltre a ciò, la società contribuisce ad offerte benefiche nei confronti della Pro Loco di Portovenere e Le Grazie, oltre alla Pubblica Assistenza Croce Bianca di Portovenere, che è anche socia nel capitale. Ha finanziato anche la società sportiva Forza e Coraggio ASD, contribuisce alle spese per l’organizzazione di manifestazioni di interesse sociale sul territorio, come GiocoleRia e il Cantiere della Memoria per promuovere l’arte dei maestri d’ascia.

Ma veniamo ai numeri relativi alle spese complessive degli anni 2016-17 in ambito promozionale del territorio: al primo posto il Grand Hotel di Portovenere, che per le regate Melges 2016 percepisce 6.681,82 euro; al secondo il Bar Gelateria al Gabbiano, che fra regate Melges 2016-17 e “pasti per commissioni selezione personale (ormeggiatori/bagnini e spiaggisti)” 2016-17 riceve 5.727,28 euro spalmati su 5 fatture, di cui 2 riguardano complessivamente circa 160 euro per le commissioni del personale, tutto il resto le regate Melges. Al terzo posto, l’affitta camere La Darsena, che per le Melges 2016 e 2017 incassa complessivamente 5.000 euro tonde. La Darsena è proprietà di Giovanni Dotti, soprannominato “il sindaco della calata“, grande sostenitore e stretto amico del sindaco Matteo Cozzani, organizzatore di eventi locali, come “Minaccia Bel Tempo“, cassiere (o ex-cassiere) della locale borgata marinara per il Palio del Golfo. Dotti è anche il creatore del ben conosciuto gruppo Facebook “Il Comune Siamo Noi“, ben frequentato da cittadini e amministratori comunali, di cui ho scritto in più occasioni, anche per gli insulti transitati sul social.

Di seguito troviamo Garbo – wine and food“, che per forniture presso la società sportiva Forza e Coraggio, ha percepito un totale di 4.266,68 euro in due fatture tra 2016 e 2017. Su internet troviamo “Garbo Italy“, nome non registrato della ditta individuale di Andrea Cavallo con sede ad Arcola (SP), che si occupa di vendita per catalogo di prodotti enogastronomici. E’ anche sponsor della società sportiva Forza e Coraggio. La stessa società sportiva ha ricevuto contributi diretti dalla Porto Venere Servizi Portuali e Turistici s.r.l. per totali 2.650,84 euro negli anni 2016-17. E sempre finalizzato all’attività della Forza e Coraggio, troviamo che la Special Cart ha ricevuto 1.785,40 euro in tre fatture tra 2016 e 2017. Special Cart è impresa individuale di Roberto Speciale che si occupa di commercio all’ingrosso di carta, cartone e articoli di cartoleria.

Per le locandine dell’iniziativa “Cantiere della Memoria”, la Publisystem di via Fontevivo a La Spezia,  ha emesso 10 fatture tra il 2016 e 2017, per un ammontare di 1.523,00 euro. Di seguito la Med s.r.l. per la gestione del sito web ha fatturato per 1.421,48 euro, La Bottega di Rena 875,00 euro (Melges 2016, premi coppa Dallorso 2016, targhe Cantiere della Memoria), Mainoldi per la Melges 2016 ha ricevuto 1.000 euro, stessa cifra per la Pro Loco Le Grazie per il 2016. Cifre sotto i mille euro per gli altri tra cui: Le Terrazze di Portovenere 763,64 euro (Melges 2017), Torre di Porto Venere s.r.l. 736,36 euro (Melges 2017), Pro Loco di Portovenere 560,00 euro (Madonna Bianca 2017, banner sul sito 2016-17), La Pitoneta 554,55 euro (Melges 2017). Eppoi, via via, sotto i 400 euro fino a poche decine di euro altri operatori ed esercenti, poco più di una decina. Infine, la Pubblica Assistenza di Portovenere (riceve una donazione di 150 euro del 2016), ma è anche titolare di una quota (470 euro) della Porto Venere Servizi Portuali e Turistici s.r.l..