Archivi categoria: spiagge

Portovenere (SP): demanio e superficie commerciale a libero uso? Il caso Sporting Beach

Fatemi capire come funziona la questione demanio marittimo e autorizzazioni commerciali a Portovenere, in particolare per lo stabilimento Sporting Beach. Di questa questione ho fatto carico il Comune di Portovenere e diverse autorità, almeno dal 2014, ma senza esito alcuno. Ho ottenuto solo delle parole di giustificazione che vediamo in seguito. E questo è solo un dettaglio rispetto alla ben nota massicciata abusiva insanabile che sarebbe stata sanata.

Dunque, lo stabilimento Sporting Beach dispone di una autorizzazione, n.433 del 31 dicembre 2009, rilasciata dal Comune di Portovenere, per somministrazione di alimenti e bevande, comprese quelle alcoliche di qualsiasi gradazione, per una superficie di somministrazione di mq.15.. In data 27.05.10, il Comune rilascia una ulteriore autorizzazione, n.438, a seguito di richiesta di estensione della tipologia dell’attività con codifica BAR RISTORANTE ATECO 55300 e sempre per mq.15 di superficie di somministrazione. Autorizzazione tuttora attiva perché menzionata nella visura della Camera di Commercio di qualche settimana fa.

Per mettere in chiaro, è stabilito che: “… Per superficie di somministrazione, si intende la superficie appositamente attrezzata per essere utilizzata per la somministrazione. Rientra in essa l’area occupata da banchi, scaffalature, tavoli, sedie, panche e simili, nonché lo spazio funzionale esistente tra dette strutture. Non vi rientra l’area occupata da magazzini, depositi, locali di lavorazione, cucine, uffici e servizi…” (http://suap.spezianet.it/info/impresa-facile/attivita-di-somministrazione/somministrazione-allinterno-di-pubblici-esercizi-bar-ristorante).

Ebbene, andiamo a vedere la superficie effettiva utilizzata con tavoli, sedie, poltroncine e divanetti.

Fatevi, ad esempio, un bel giro su Google a vedere le immagini ufficiali dell’attività, tra cui dall’interno di una splendida veranda adibita a ristorante e rinnovata da poco.

Ebbene questa è la situazione di oggi (4.10.18):

 

E questa la situazione di aprile 2017:

Ovvero, stabilimento balneare chiuso e ristorante aperto.

Punto primo, se lo stabilimento balneare è chiuso, in quanto fuori stagione (maggio-settembre), perché ci stanno le corde con pali ad impedire il libero passaggio lungo l’area demaniale?

Punto secondo, se la superficie di somministrazione alimenti e bevande è di mq.15, perché la veranda ristorante con tavoli e sedie è di mq.58 (come da documenti ufficiali)?

Punto terzo, se la superficie di somministrazione alimenti e bevande è di mq.15, perché tavoli e sedie (ma anche divanetti e tavolinetti all’occorrenza) vengono posizionati anche fuori dalla veranda ristorante di mq.58?

Punto quarto, dato che la veranda (abusiva e poi “sanata”) sta in buona parte anche in area demaniale (come da documenti ufficiali), dato che i tavoli sono posizionati anche esternamente alla veranda, perché si lascia che un’area in concessione per stabilimento balneare (tra l’altro, ora chiuso, ma altre volte no), venga occupata a stabilimento chiuso, o occupata da attrezzatura NON BALNEARE saltuariamente quando aperto, nonostante la concessione non preveda deroghe alla tipologia d’uso?

Ebbene, sapete cosa mi sono sentito dire tempo fa da persone varie e scrivere in maniera ambigua? Che il ristorante forse faceva self-service (!!!) e quindi non c’era somministrazione ai tavoli, ma anche che è vero, la concessione demaniale per stabilimento balneare non specifica (!!!) quando in realtà dovrebbe elencare cosa si può mettere e non mettere (???), allora aspettiamo il rinnovo(!!!).

Io sto chiedendo delucidazioni in punta di diritto, ma ancora non le vedo, nonostante varie richieste e lettere, ad esempio questa del 2014.

Come funziona, dato che vedo, stagionalmente, ogni anno, varie attività di ristorazione fare istanza per l’occupazione di area demaniale con tavoli e sedie, ma lo Sporting Beach no?

 

Ripascimenti a Portovenere (SP): salute, ambiente e trasparenza rispettati?

Solo ora abbiamo conoscenza dei dati finali riguardanti i ripascimenti del Comune di Portovenere, con meno trasparenza. I campioni preventivi del materiale da analizzare, vengono prelevati da chi compie i lavori, senza verbale o metodo di prelievo. Non sono indicati né la cava, né il fornitore del pietrisco. Nessuna analisi sulla forma del ghiaino. Il parere “preventivo” di ARPAL viene redatto a lavori già in corso. Le analisi di ARPAL post-lavori risultano tardive e superficiali.

Spesso mi chiedo se la nostra salute e l’ambiente in cui viviamo siano adeguatamente tutelati da coloro che dovrebbero vigilare su di essi. Non infrequentemente la risposta che trovo nei fatti è no. No, perché chi opera può far uso di pratiche non buone, per i motivi più disparati. Perché le norme non sono buone, ma anche perché cerca di aggirarle. No, perché chi controlla, a volte, è lo stesso controllato. Oppure, chi controlla, non fa bene il proprio dovere per carenza di risorse (personale o strumenti), o peggio, non vuole.

Questo è un caso in cui ritengo dimostrata l’inefficienza delle norme e/o l’inadeguatezza degli attori in gioco. Ciò, si tramuta in una scarsa garanzia e congruenza dei controlli a tutela di salute ed ambiente. Chiediamoci cosa si può fare. Lo dicano anche gli enti coinvolti, perché questo stato di cose non è accettabile in un paese evoluto.

Le premesse

Il caso, in fin dei conti, è relativamente semplice. Si tratta di ripascimenti stagionali delle spiagge, nello specifico degli arenili del Comune di Portovenere (SP) che, come ho documentato per gli anni 2016-18, hanno visto un peggioramento delle lavorazioni e del materiale utilizzato. In particolare mi riferisco alle spiagge dell’Olivo, che ho seguito con maggiore attenzione.

Per quest’anno abbiamo avuto un risultato finale, tutto sommato, all’apparenza migliore di quello dello scorso anno, ma attenzione a quanto rilevo in seguito. Lo scorso anno si evidenziava una superficie lavorata estremamente parziale, anche rispetto ai piani stabiliti, e una tipologia di materiale proveniente esclusivamente da una cava non fluviale, consistente in ghiaino spezzato spigoloso, non sempre agevole per chi cammina a piedi nudi (o calzature leggere da spiaggia) e si stende su asciugamani. Quest’ultimo aspetto, almeno, confermato dalla stessa ARPAL nel rapporto del 2017. Per il 2018 noto due fatti: una certa ritrosia e lentezza nell’ottenere la documentazione finale completa da parte di ARPAL, ma anche una formulazione eccessivamente sintetica del Comune. I piani di intervento sono tornati in house, nel “vecchio stile pre-2017”. Con meno spese in teoria, dato che i costi finali sono sempre gli stessi. Per ARPAL ci sono stati, si, problemi tecnici a quanto mi hanno scritto, ma probabilmente non hanno pesato un mese (almeno) di ritardo. Dal Comune abbiamo una relazione tecnica estremamente sintetica e nessun cronoprogramma o computo metrico (per lo meno per ciò che io ho ricevuto). Quest’anno non ho nemmeno avuto le fotografie pre e post lavori. Foto in genere piuttosto inutili e inutilizzabili, vista la stessa genericità della ripresa (una per zona). Le immagini post lavori, di solito, sono anche assenti, per quanto ho potuto reperire degli ultimi dieci anni.

Veniamo ai dati di quest’anno integrandoli con quanto già da me rilevato a maggio, durante i lavori, ricordando che le tipologie di materiale depositato sono state sostanzialmente due:

  • un primo apporto di materiale da riempimento, veramente disomogeneo e brutto a vedersi. Uno spezzato fine e meno fine, molto polveroso, di consistenza inadatta perché facile da disperdere. Di colore inadeguato, grigio scuro o marrone se umido;


Il primo carico di materiale giunto il 3.5.18 in spiaggia all’Olivo


Il ghiaino di rifinitura giunto sulle spiagge dell’Olivo sempre a inizio maggio 2018

I documenti di quest’anno

La relazione tecnica del Comune di Portovenere

Il Comune produce una relazione tecnica di progetto del 09.02.18, molto sintetica, per tutte le spiagge interessate, con analisi del pietrisco da utilizzare , che sarebbe proveniente dal fiume Vara tra i Comuni di Brugnato e Borghetto (analisi completa), o semplicemente dal fiume Vara (analisi completa), in entrambi i casi senza identificazione della zona precisa o della cava. Le analisi sono affidate dal Comune al laboratorio privato Analysis S.a.s. di La Spezia, come per gli ultimi anni. Ma non sono i tecnici che prelevano dal cumulo, come avvenuto in passato, ad esempio nel maggio 2016, quando il personale del laboratorio redige anche un verbale di campionamento. I campioni vengono prelevati e consegnati in laboratorio dal committente, ovvero lo stesso Comune, che quindi se la canta e se la suona. Il punto di prelievo è, genericamente, il greto del fiume Vara, come se nemmeno ci fosse un cumulo da utilizzare successivamente, visto che non c’è nemmeno un verbale di campionamento. Per questo non mi soffermo sui dati tecnici. Quindi, che garanzia ho che il materiale realmente utilizzato in fase esecutiva, sia conforme a quanto riportato dalle analisi preventive? Ricordiamoci, poi, che il certificato di conformità dei lavori è rilasciato dal Comune e, lo scorso anno, nonostante le evidenti discrepanze rispetto al progetto, non è stato evidenziato alcun problema.


Intestazione delle analisi preventive 2018, in cui non si riporta il punto esatto di prelievo/cava, né l’indicazione del cumulo e il nome del fornitore. Prelievi a cura di chi svolgerà i lavori, senza verbale.

La cava di provenienza

Tornando alla cava di provenienza, i documenti di quest’anno mandati dal Comune ad ARPAL non indicano il fornitore originario del pietrisco e non mostrano alcuna certificazione del materiale, diversamente dagli anni precedenti. Lo scorso anno il ghiaino proveniva dalla cava N.E.C. di Biassa. Quest’anno il materiale è fornito, in buona parte se non totalmente, dalla S.E.I.B. s.r.l. (cosa che non ho trovato scritto da nessuna parte tra i documenti avuti). La ghiaia è stata caricata sui camion nella sede di via Pedemonte 6/1 a Vezzano Ligure, ovvero lungo le sponde del fiume Magra e non Vara. Ciò non toglie che possa provenire dal Vara (esattamente non sappiamo da dove) e depositato in quella sede per la distribuzione. Ma che la S.E.I.B. s.r.l. abbia fornito quel materiale, non appare scritto da nessuna parte, almeno per quanto pubblicato dal Comune e dato a me da ARPAL. Sarebbe da chiedere al Comune la pubblicazione delle fatture e delle bolle di carico della ditta incaricata, legalmente senza gara, come usuale, ovvero della TEAS s.r.l. di Sestri Levante. Da notare che la S.E.I.B. s.r.l. aveva, o ha ancora, un’altra sede ad Aulla (sempre Val di Magra). Sul proprio sito scrive: “Il materiale è proveniente dalla Cava Monte Porro gestita sempre dalla nostra Seib srl ed è suddivisibile in due tipologie: semilavorato e prodotto finito“. Ma magari non è aggiornato. Il Monte Porro, comunque, si trova nel Comune di Aulla, vicino alla frazione di Bibola e la cava, per intenderci, non è di fiume.


Screenshots dal sito www.seibsrl.it

Il parere preventivo di ARPAL a lavori già avviati

Vediamo il parere preventivo sul progetto, da parte di ARPAL, del 07.05.18, protocollo n. 0013610. Udite-udite, il parere PREVENTIVO (zona Olivo) è del 07.05.18, mentre i lavori erano già in corso dal 03.05.18, ovvero 4 giorni prima, come ho puntualmente segnalato via PEC alla stessa ARPAL, Capitaneria di Porto, Guardia Costiera locale e lo stesso Comune di Portovenere. Il mio articolo dell’8 maggio si basa su osservazioni e fotografie riprese, appunto, lo stesso 3 maggio. NESSUNO HA FATTO UNA PIEGA, che io sappia, nonostante sia chiaramente scritto nei vari provvedimenti del Comune che “i lavori potranno avere inizio solamente dopo l’ottenimento dei pareri favorevoli di ARPAL e dell’Autorità di Sistema Portuale del Mar Ligure Orientale …” (l’autorità portuale ha competenza per le sole spiagge entro diga), ad esempio nella determina del 19.05.18 (post inizio lavori), n.254, di integrazione di spesa per pagamento dei pareri ARPAL. C’era fretta, quest’anno bisognava fare presto, le elezioni locali incombevano, mi pare chiaro. Mai visto ripascimenti ai primi di maggio, quando di solito avvengono a spiagge frequentate a fine giugno, se non nelle prime settimane di luglio. Le facessero ogni anno le elezioni. Comunque, ora sappiamo che il parere “preventivo” di ARPAL conta fino ad un certo punto. Nella medesima determina, poi, non si indica la data di rilascio dei pareri. Però, si deduce ulteriormente che il parere, o meglio i 3 pareri delle differenti zone, sono successivi al 02.05.18. Che senso avrebbe avuto fare una fattura il 02.05.18 che non li includesse? Questa, infatti, è la data della prima fattura di ARPAL riferita al riscontro dato alla prima richiesta del Comune in quanto: “… ARPAL ai fini dell’espressione del proprio parere, ha comunicato la necessità di fornire le analisi granulometriche del materiale che sarà posato sul litorale“. Il giorno dopo, 03.05.18, il Comune che fa? Inizia i lavori. Nella determina il Comune scrive “erroneamente” di due distinti pareri, in realtà ci sono 3 pareri e un pre-parere (senza le analisi di partenza), quello citato prima con la fattura del 02.05.18. I conti tornano perché, quello che il Comune definisce secondo parere costa € 1.104,99, ovvero € 368,33 (come riportato a fine del parere del 07.05.18) moltiplicato per 3 (pareri), al centesimo! Tra parentesi: a me la prima risposta per esposti e accesso arriva solo il 16.05.18, per evitare si possa dire che il timbro del protocollo fosse riferito alla missiva indirizzata a me e non alla nota originaria. Come se il resto non bastasse.


Il parere “preventivo” di ARPAL del 07.05.18 a lavori iniziati il 03.05.18

ARPAL tranquillizza sulla fiducia

Detto ciò, a seguito delle fotografie e degli esposti inviati da me a vari uffici, nei primi giorni di maggio 2018, ARPAL mi replica con una nota estremamente tranquillizzante del 16.05.18. Si limita a ribadire pedissequamente quanto riportato dal Comune nel progetto e dalle analisi di laboratorio sui campioni preventivi. Questo senza considerare il modo di campionare che ho descritto in precedenza. ARPAL, infine, definisce di fatto normale la torbidità. In sostanza, ci si affida totalmente al parere preventivo favorevole, espresso a lavori iniziati. Il personale, si riporta ancora nella nota, effettuerà un sopralluogo, che avverrà circa 3 settimane dopo. Sopralluogo che, per normativa, non è per nulla obbligatorio, a quanto mi riporta ARPAL in altre note. Il tutto nonostante le foto di quei cumuli (soprattutto il primo) che ho inviato, con dettagli. Tra le foto non pubblicate in precedenza, queste sotto, che danno un’idea più precisa sull’effetto del materiale depositato sulla battigia e della tipologia del primo cumulo, quello triturato e polverizzato. Guardate come si attacca alle pietre più grandi quando asciuga. Sembra quasi polvere di ferro attratta da una calamita. Questo, poi, viene rapidamente dilavato nei primi giorni di lavoro, ben prima del sopralluogo di ARPAL, come visibile nelle foto seguenti.


Effetti del materiale depositato in zona Olivo, fotografato il 6 maggio 2018


Effetti in mare del materiale dilavato fotografati in data 08.05.18

Già, perché il sopralluogo con prelievo dei campioni da parte di ARPAL, arriverà solo tre settimane dopo, circa, la fine dei lavori presso il litorale dell’Olivo. Capite bene con quale risultanze.

Il campionamento di ARPAL

Ed ecco il verbale di campionamento del 01.06.18, con alcuni campi non descritti. Non si riporta alcun dettaglio circa la profondità di prelievo, oltre a mancare la descrizione del materiale, caratteristiche, modalità e strumentazione. Appare solamente la dicitura generica “varie aliquote“. Nessun dato tecnico, quindi. Non si chiarisce se “l’aliquota” (peraltro assente) si riferisca alla profondità dell’arenile, o alla superficie dell’arenile rispetto al livello sul mare. Teniamo anche conto che per la lavorazione in spiaggia e i tempi, il nuovo materiale è ormai ben miscelato con il vecchio. Le analisi ARPAL avrebbero dovuto farsi ANCHE sui cumuli depositati prima della lavorazione.


Verbale di campionamento di ARPAL del 01.06.18

La dott.ssa Colonna di ARPAL sui pareri preventivi e i referti post-lavori

Sono vari gli aspetti che ho fatto presenti con una PEC alla dott.ssa Fabrizia Colonna responsabile spezzina di ARPAL, in risposta alla sua nota di accompagnamento dei referti. Ne aggiungo un altro paio ora, osservando il rapporto di prova granulometrico e dei metalli pesanti del 27.08.18, ovvero “i referti” completi:

  1. noto che questo rapporto del 27.08 sostituisce quello del 21.08. Evidentemente, ciò è dovuto ai problemi tecnici già citati da ARPAL. Problemi che non mi dispiacerebbe conoscere più nel dettaglio;
  2. noto l’assenza di maggior dettaglio nella granulometria, evidentemente con meno operazioni di setacciatura, altrimenti non mi spiego perché in questo referto si metta in una unica voce la frazione “4mm-18mm, quando nelle analisi del laboratorio privato abbiamo distinzioni tra 20-16-14-10-8-6,3 e 4 mm. Dal laboratorio Analysis s.a.s. vengono distinti anche i 2 mm dai 2,8 mm. ARPAL i 2 mm e i 4 mm li mette in una unica voce. Insomma, mi pare che il “dettaglio” granulometrico sia veramente poco considerato e ciò non sia affatto un dettaglio, per rimanere al gioco di parole. Ma ciò ha un impatto reale ed evidente sulle spiagge, se abbiamo pietre di quasi 2 cm o pietruzze di 4 mm.


Nota di accompagnamento ai referti 2018 della dott.ssa Colonna

Questo articolo, lo dico già ora, lo invierò alla stessa dott.ssa Colonna, al Comune, Capitaneria di Porto, Guardia Costiera e Carabinieri. In effetti è più completo rispetto alla mia risposta già inviata, qui di seguito.

Le mie ulteriori considerazioni

Queste le mie ulteriori considerazioni inviate alla dott.ssa Colonna il 4 settembre scorso, con cui concludo l’articolo di oggi, che riassumo dalla lettera riportata subito dopo:

  1. meno trasparenza da parte sia del Comune che di ARPAL. Il Comune scrive di due pareri di ARPAL, in realtà sono tre. Oltre a ciò, c’è anche un primo parere non rilasciato, sempre da pagare. Ovvero, una nota che non mi è stata data (ma indicata nei provvedimenti del Comune), nella quale si segnala la mancanza delle analisi preventive sui materiali , tramite laboratorio privato, a carico del Comune;
  2. il Comune compie delle modifiche a lavori in corso (anche contrattuali) e forse non informa ARPAL. In particolare: a) preliminare pulizia delle spiagge dal materiale ligneo presente sulle stesse; b) apporto di un maggiore quantitativo di materiale a causa delle mareggiate verificatesi nel periodo tra la redazione della perizia e l’appalto dei lavori; c)necessità di non eseguire i lavori sulla spiaggia della Marina a Porto Venere in quanto il materiale sorbonato non risultava di buona qualità (e poi non si è fatto nulla?);
  3. il Comune effettivamente produce meno documentazione e meno documentazione trasmette ad ARPAL. Niente cronoprogramma, niente computo metrico, diversamente dallo scorso anno;
  4. ARPAL si appella ai tempi standard (60 gg.) e ai problemi tecnici (che sarebbero di 6 giorni a leggere l’intestazione dei referti). In realtà, l’anno scorso, le cose erano andate in maniera diversa anche sulla tempistica, nonostante i ripascimenti fossero iniziati più di un mese dopo. Tenendo anche conto che quest’anno abbiamo l’analisi dei metalli pesanti in più. Così nel 2017: a) ripascimenti iniziati attorno al 14 giugno; b) il 19 giugno effettuati due sopralluoghi con prelievi di ARPAL; c) i riscontri tecnici di ARPAL mi arrivano il 6 luglio. Quest’anno: a) ripascimenti iniziati il 3 maggio; b) sopralluoghi e prelievi di ARPAL il 1 giugno (un mese dopo l’inizio lavori, tre settimane circa dopo la fine in zona Olivo!): c) i referti ARPAL mi arrivano il 29 agosto (3 mesi dopo il prelievo, includendo una settimana di ritardi per problemi tecnici). Oltre a ciò considerazioni ulteriori sui modi e i tempi per i referti, in parte già esposti in precedenza. In particolare, come ovvio, nelle analisi non appare traccia di quel primo cumulo di materiale che segnalai immediatamente ad ARPAL, Comune e Capitaneria di Porto, ormai parzialmente disperso in mare e ben disperso in spiaggia.

La lettera

La seguente lettera è stata inviata ad ARPAL, ma anche al Comune ed alla Capitaneria di Porto:

Gentile Dott.ssa Fabrizia Colonna,

a seguito della Sua nota prot.n. U.0025917 del 29.08 u.s., mi permetto di replicare con ulteriori considerazioni oggettive ed anche personali:
  1. solo tramite la Sua nota del 29.08 u.s. vengo a conoscenza del fatto che ARPAL ha emesso tre distinti pareri relativi ai ripascimenti presso le spiagge del Comune di Portovenere (Portovenere, Le Grazie e Fezzano), mentre solo dalla determina comunale n.254, del 19.05.18, ne traggo che ARPAL avrebbe emesso due distinti pareri, uno per le spiagge del (e limitrofe) al capoluogo, ed un altro per le spiagge di Le Grazie e Fezzano. Devo anche farLe presente che, diversamente da quanto Lei afferma, la mia istanza di accesso (a cui Ella dovrebbe riferirsi) del 03.05.18, Vs. prot.n. 13526, testualmente riporta: "CHIEDE di visionare ed estrarre documenti in formato elettronico o cartaceo, non autenticati, inerenti i ripascimenti costieri effettuati nell'anno 2018 nelle spiagge del Comune di Portovenere, in particolare: 1. disporre delle planimetrie indicanti le aree interessate da ripascimento; 2. disporre dei piani di ripascimento riportanti le quantità e la tipologia di materiale utilizzato per ogni arenile; 3. disporre degli atti (anche interni) inerenti le ispezioni o analisi effettuate ed eventuali procedimenti attivati; 4. disporre delle fotografie riprese prima, durante e dopo le operazioni di ripascimento.". Ne converrà che non mi riferivo alle sole spiagge dell'Olivo. Per tale motivo Le chiedo, cortesemente, di inviarmi anche i due pareri a me mancanti e gli eventuali ulteriori documenti relativi alle altre spiagge, come gli ulteriori referti e verbali di campionamento;
  2. prendo atto che, l'apporto maggiore di materiale esulante dal contratto, forse successivo ai Vs. accertamenti e campionamenti in loco, non modificherebbe la validità del parere da Voi espresso. Anche se mi rimane il dubbio che non vi sia stato alcun (pre)avviso in merito, da parte del Comune verso ARPAL, in quanto da Lei non espressamente chiarito;
  3. prendo atto anche del fatto che la documentazione da Voi ricevuta, da parte del Comune, ed a me inviata, sarebbe stata trasmessa integralmente;
  4. prendo atto delle problematiche tecniche relative alla refertazione dei campioni prelevati, ma mi permetto di criticare la tempistica dei 60 gg. standard, in quanto la stagione balneare a queste latitudini si limita, sostanzialmente, ai mesi tra giugno e agosto. Ne deriva che i risultati delle analisi, se nei tempi, con prelievo ai primi di giugno, arriverebbero solo ad agosto, quando gli avventori hanno già fatto largo uso degli arenili interessati. Si perderebbe, perciò, gran parte dell'utilità delle Vs. analisi e, soprattutto, non si farebbe adeguata tutela preventiva della salute e dell'ambiente. Nel caso specifico di quest'anno, il notevole ritardo ha reso sostanzialmente inutili le Vs. analisi dal punto di vista di tale prevenzione, nel caso non fossero state positive. Tenuto anche conto che ripascere le spiagge a Portovenere, i primi di maggio, è evento eccezionale, dato che normalmente avviene a stagione avviata, fine giugno o luglio. Devo inoltre rilevare aspetti, nel Vs. metodo di prelievo dei campioni e tempistica, che mi lasciano molti dubbi, o meglio, ritengo fallaci dal punto di vista tecnico-scientifico, pur essendo un semplice cittadino, senza nessuna competenza, ma che semplicemente fa uso della logica e delle proprie conoscenze scientifiche scolastiche. Riassumo per punti: a) per quanto attiene la spiaggia dell'Olivo, come già a Voi documentato con esposti del 3, 6 e e 8 maggio, i lavori si sono conclusi in pochi giorni e il Vs. prelievo è avvenuto solo il 01.06 u.s., ovvero circa tre settimane dopo la fine lavori in quella zona. Quindi, quando buona parte del materiale più fine, che ho potuto vedere e documentarVi come depositato lungo la battigia e area limitrofa (fotografia con intensa torbidità marina), si è già ben disperso in mare o in profondità nell'arenile più interno. Ecco perché le Vs. analisi non ne rivelano, sostanzialmente, la presenza; b) il Vs. verbale di campionamento in zona Olivo del 01.06.18, non riporta alcun dettaglio circa la profondità di prelievo, oltre a mancare la descrizione del materiale, caratteristiche, modalità e strumentazione. Si riporta solamente la dicitura generica "varie aliquote", che oltre a non dare dati tecnici, non chiarisce se si riferisca alla profondità dell'arenile o all'aliquota della superficie dell'arenile rispetto al livello sul mare; c) è totalmente mancata un'attività del prelievo dei campioni direttamente sul cumulo depositato in spiaggia, ulteriore motivo che determina un'analisi falsata dal fatto che il nuovo materiale è stato ormai disperso e mischiato con il precedente, senza poterne più distinguere le caratteristiche; d) le analisi di laboratorio preventive, compiute dalla ditta incaricata dal Comune, si riferiscono a "Campionamento a cura del Committente" e a "Campione consegnato in laboratorio a cura e responsabilità del Committente". Come a dire, in parole povere, che chi compie i lavori se la canta e se la suona, senza dare alcuna garanzia sul materiale che verrà effettivamente scaricato sugli arenili, forte anche del fatto che da parte Vs. non è stato fatto alcun prelievo sui cumuli depositati in loco prima della dispersione; e) manca totalmente per quest'anno, diversamente dagli anni scorsi, un'analisi sia pur basica, della tipologia del materiale relativamente alla forma, ovvero se il materiale fosse stondato (probabilmente di origine fluviale), oppure spezzato (di cava), oppure un misto, come ho potuto vedere e a Voi documentare, relativamente ai secondi carichi portati in zona Olivo; f) le mie precedenti considerazioni vengono confermate dal fatto che nulla appare, nelle Vs. analisi, relativamente al primo cumulo di materiale che ho documentato nel dettaglio (in particolare nella mia nota del 08.05.18 con fotografie e misura di riferimento). Che tale cumulo fosse composto da materiale estremamente disomogeneo, in gran parte molto fine e polveroso, oltre a pietre risultate da opera di triturazione, in buona parte depositato proprio lungo la battigia, del tutto inadatto ad un arenile per la balneazione, anche per il colore in contrasto con quello precedente sull'arenile, non appare nulla nelle Vs. indagini. Come del resto il materiale in altri cumuli, decisamente migliore, ma il risultato di un misto spezzato e stondato, usato per rifinire e ricoprire, dopo lunga e laboriosa opera (documentata) di mescolamento effettuata con le ruspe. Il risultato finale è, perciò, apparso decisamente migliore dello scorso anno, anche in relazione all'ampiezza dell'area lavorata. Sebbene lungo la battigia, il materiale più fine, si sia disperso nei primi giorni, mostrando cali della consistenza dell'arenile.
A conclusione di ciò, devo purtroppo notare, da semplice cittadino, che non mi sento per nulla tutelato, sia dal metodo di analisi preventivo effettuato su incarico del Comune a terzi, come descritto al punto d), che dalle Vs. analisi tardive e, mi permetta, superficiali in riferimento al metodo ed alla tempistica di prelievo dei campioni, oltre ad essere del tutto mancante un'analisi gemmologica (in passato presente) che, in una spiaggia frequentata da bagnanti e in zona UNESCO, non può essere secondaria, sia dal punto di vista estetico che della fruibilità, in quanto il materiale inadatto per conformazione e presenza di spigoli accentuati crea disagio allo stazionamento e alla deambulazione. Oltre a tutto questo, non abbiamo effettivo riscontro su tutto il materiale nuovo depositato, anche in merito alla quantità effettiva, che potrebbe essere, nel caso peggiore, dannoso alla salute e all'ambiente. Devo infine aggiungere che, negli anni precedenti, ho trovato maggiore disponibilità e meno superficialità da parte Vs..


Rimango in attesa del materiale ancora non inviatomi, relativo alle spiagge di Le Grazie e Fezzano.

Cordiali saluti
Daniele Brunetti

 

Le Terrazze: che fu sul demanio marittimo?

Voi avete capito che cosa è successo all’area demaniale frontale allo stabilimento Le Terrazze? Nei prossimi giorni ve lo spiegherò meglio, anche se il Comune di Portovenere (SP) e l’Agenzia del Demanio mi stanno impedendo l’accesso agli atti sull’accertamento, concluso dalla stessa Agenzia. Intanto abbiamo i dati del SID, Sistema Informativo Demanio Marittimo su cui molti si erano distratti e su cui, a mio parere, andrebbero fatte ulteriori verifiche lungo tutta la costa comunale. Sicuramente ci sono alcuni pontili non aggiornati con sanatorie o autorizzazioni, ma andrebbe fatta una verifica seria perché, mi pare, in alcuni casi ci siano degli allargamenti molto sospetti.

La prima immagine è l’unione che ho fatto di due immagini dal SID per avere un ingrandimento dell’area di interesse. Usa come sfondo l’immagine satellitare di default del sistema, mentre la seconda utilizza una immagine alternativa (sempre da opzioni SID) da Google, su cui, però non posso zoomare ulteriormente. La linea blu rappresenta il confine costiero catastale, la linea rossa il confine fra demanio e proprietà private/comunali, l’area gialla il demanio marittimo. Oltre la linea blu dovrebbe esserci solo mare, tenendo conto che in alcuni punti la costa può essere cambiata per erosione o insabbiamento, più o meno naturale, il resto potrebbe essere o non autorizzato, o non aggiornato con le ultime autorizzazioni. Osservando l’immagine ampia, appare evidente la coincidenza di molti punti fra mappa catastale e foto, assieme a varie difformità, grandi e piccole. Non si tratta comunque di errori di sfasamento di sovrapposizione, anzi è tutto molto preciso.

Di fronte a Le Terrazze abbiamo una evidente difformità della linea di costa reale rispetto alla mappa catastale, anche come curvatura. Quell’area è stata interessata da una massicciata autorizzata nel 1998 e poi dal P.U.O. Le Terrazze, per la precisione il permesso di costruire del comparto D (stabilimento balneare) del 2006, nulla di più se non una sanatoria legata alla cementificazione e alcune difformità della scogliera del 2016. E proprio in quell’occasione si sperava si facesse una verifica puntuale anche sui confini demaniali, ma così non pare sia stato. Secondo queste immagini con sovrapposizione della mappa catastale, molte cose sono slittate verso mare, come piscine e immobile bar dello stabilimento. Inoltre, le cabine di proprietà paiono entro l’area demaniale. Mi chiedo poi, da tempo, perché non ci sia continuità lungo la fascia di battigia tra demanio frontale allo stabilimento e spiaggia libera limitrofa: lì ci sta un bel muro.

Alla prossima.

Elezioni a Portovenere (SP): Matteo Cozzani

Portovenere si appresta a votare il prossimo sindaco e, indubbiamente, il più bravo a raccontare è Matteo Cozzani, con una “macchina da guerra” di una certa potenza alle sue spalle. Ma cosa e come racconta, e cosa non racconta?
Sicuramente ci sono alcuni punti a suo favore, ma molti altri andrebbero evidenziati e descritti meglio, se non altro per rispetto delle persone che si recheranno alle urne.

Sapete già come la penso, a mio parere una persona che gestisce la cosa pubblica deve, prima di ogni cosa, mostrare integrità morale e non sfruttare la propria posizione per interessi personali, dei propri parenti e dei propri amici. Questo perché fare il sindaco, un amministratore pubblico, significa svolgere il proprio compito con spirito di servizio e nell’esclusivo interesse della comunità tutta, non una sua parte.
Matteo Cozzani ha mostrato di non essere adatto a fare il sindaco, anche solo per una questione, a prescindere da aspetti giudiziari: il caso Autorità Portuale – segretario generale Santini e soldi alle imprese della famiglia Cozzani, per attività richiesta dal e nel Comune di Portovenere. Questo è un dato di fatto, acclarato e non smentito, che ha occupato l’informazione locale per un certo periodo di tempo e che ora pare essere stato messo nel dimenticatoio.

No, è sbagliato dimenticare, come è sbagliato sottovalutare un caso di rilevanza etica come questo. Solo per questo, sarebbe stato giusto e doveroso che il sindaco si fosse dimesso. Perché con quei fatti ha dato dimostrazione di non avere ben presenti gli scopi e i limiti del proprio ruolo pubblico, aggravati poi da un precedente che non è proprio una ragazzata: un patteggiamento per una condanna ad un mese e dieci giorni di carcere con 400 euro di multa per contraffazione, alterazione e uso di segni distintivi di opere dell’ingegno, oltre a introduzione nello Stato e commercio di prodotti con segni falsificati. Serve altro? Per me sarebbe più che sufficiente per dire: non sei candidabile, torna a casa. Questo dal punto di vista puramente etico, non giuridico, del resto, in diversi paesi democratici i politici sono tornati a casa per molto meno. Ma capisco, l’Italia ha metri del tutto particolari, dato che un pregiudicato può andare tranquillamente a colloquio con il presidente delle Repubblica, per le consultazioni post elezioni.
Sarò fuori moda, ma credo che farebbe bene al paese cambiare passo su questo.

Detto questo, trovo aspetti negativi, molto somiglianti e sconcertanti del Cozzani, che mi ricordano molto le campagne elettorali di Berlusconi. Ad esempio il libretto dei sogni esauditi, pieno di belle figurine e poca ciccia su ciò che ha messo in vendita, ad esempio e altro. Ma soprattutto sul “volàno” (la sua parola mantra preferita) economico, che intende mettere in piedi per far girare gli affari alla Palmaria. Si, non si trova altro modo, lo ha detto più volte. E su questo ha ragione: l’accordo sui beni demaniali con la Marina Militare non è economicamente sostenibile, se si vogliono rimettere in sesto TUTTI gli immobili dismessi. Quindi servono soldi freschi e per averli servono i privati: magari vendendone una buona parte. E allora dico: se dobbiamo correre il rischio che la Palmaria si trasformi da parco naturale a luna park, si lascino andare in malora una parte di quegli immobili, la parte meno significativa e/o più danneggiata, ma si mantengano giusto gli immobili essenziali, il minimo, per l’accoglienza sul modello parchi naturali da tutelare, magari come riserva anche integrale in alcune sue aree più rilevanti. Si giochi, inoltre, un ruolo di recupero sugli immobili di rilevanza storica. Se poi il piano dovesse essere non sostenibile, senza svendere l’anima della Palmaria, allora si mandi all’aria il piano o si ritratti un piano ragionevole. Ma questo gioco del “volàno” non mi piace, non mi piace per nulla, perché mette avanti la natura economica e non la tutela, come del resto si fa ogni anno con il gioco dei Guinness dei primati. I numeri dei turisti che devono crescere sempre, a dismisura, anche a costo di un turismo insostenibile e dannoso per le stesse risorse che sono il richiamo nei nostri luoghi. L’esempio Cinque Terre mi pare chiaro.

Poi mi chiedo cosa abbia fatto il sindaco, per ciò che conosco meglio nel dettaglio, per la tutela delle aree demaniali, soprattutto all’Olivo e per quei famosi 50 posti auto pubblici che aspettano di essere indicati ed utilizzati come tali, anche se all’interno di una struttura privata, ma oneri di urbanizzazione mai resi disponibili dal 2004, anno della convenzione pubblica stipulata, che adesso sarebbe stata stracciata perché scaduta (?!), assieme al P.U.O. non concluso. Ho qualche dubbio pure su questo, vedremo. Ad ogni modo, la novità, collegata al progetto di “riqualificazione” dell’Olivo, è arrivata solo a partire da luglio 2017. Praticamente cinque anni, da quando un progetto era già pronto e definito già nel 2013. Carte uscite pochi mesi fa, per chi vi scrive e che è stato processato e assolto anche per questo. Ma si è preferito ritrattare tutto, per poi lasciare la gestione dei 50 posti auto pubblici sempre ai titolari de Le Terrazze, per altri 15 anni, come se non li avessero già sfruttati, in buona parte dal 2008, con tariffe di 1,50 e poi 2 euro l’ora.

Mentre, in merito alle aree demaniali frontali ai due stabilimenti balneari all’Olivo, ci sono altri forti dubbi che sintetizzo:

  • per lo stabilimento Sporting Beach è stata messa in piedi una sanatoria conclusa nel 2017 che ha l’aria di non stare in piedi. Come si faccia a sanare una massicciata completamente abusiva sul demanio marittimo è un mistero, anzi, no. Ogni giorno che passa aiuta ad arrivare al nocciolo della questione e confido che ci si arriverà. Nel frattempo, sappiamo che l’ordinanza demolitoria iniziale era deficitaria, non indicava chiaramente gli abusi principali, cosa che ha permesso il rilascio di una conformità paesaggistica dalla Regione Liguria che, in caso contrario, non avrebbe potuto essere rilasciata. Ma poi, la cosa più bella, è che nella fase finale della sanatoria, nel calcolo della sanzione e di seguito, avvenuta presso il Comune, sono apparsi gli abusi non trattati dall’ordinanza demolitoria iniziale e quindi dalla conformità paesaggistica. Vedere le carte per credere. Ci sarà occasione di scriverne nel dettaglio, sugli sviluppi futuri;
  • per lo stabilimento Le Terrazze (dopo abusi e sanatorie un po’ miopi), invece, sono in attesa di carte che Agenzia del Demanio e Comune non mi vogliono dare, su accertamenti che riguardano i confini demaniali di quella struttura e che paiono MOLTO, MA MOLTO, difformi rispetto al catasto, guardate qui sotto, ma che nessuno ha notato dal 2006 circa. Gli accertamenti sono terminati da poche settimane e il Comune non ha pubblicato ancora nulla nel rapporto mensile degli illeciti edilizi. Avrei voluto dirvi di più prima delle elezioni, ma non tarderò ulteriormente. Che ne dice il sindaco di fare trasparenza ANCHE su questo?

Trasparenza, ecco, il primo punto del programma Cozzani di adesso e di allora, su cui il Comune tutto pare non aver imparato nulla o molto poco.


Aggiornamento 08.06.18 h18:06

Queste le immagini più aggiornate dal nuovo Portale del Mare SID del Ministero Infrastrutture e Trasporti, che si comprendono ancora meglio.

Le spiagge UNESCO di Portovenere (SP) ancora maltrattate con i ripascimenti 2018

Anche per l’anno 2018, i ripascimenti del litorale dell’Olivo compiuti con materiale di bassa qualità e inadatto. Nonostante i 50mila euro di Toti dalla Regione Liguria, come per l’anno passato, si segue la via del risparmio a danno della qualità degli arenili.

Devo notare con rammarico che, dal 2016, i ripascimenti stagionali delle spiagge in zona Olivo hanno avuto un deciso declino di qualità del materiale, di distribuzione (si direbbe anche quantità in diverse aree) e di modalità del lavoro, tra materiale di riempimento e di copertura.

Il materiale di fiume (ghiaino tondo), come quello utilizzato fino al 2015, proveniente dalle cave del fiume Taro e un torrente limitrofo, possiamo scordarcelo. Qualcosa di fiume, quest’anno forse c’è, ma parliamo di ben poca cosa rispetto alla massa reale del materiale posato sino ad oggi. Spero non si usi una presenza minima ed insignificante per affermare la provenienza di fiume. Vedremo le carte. Eppure quest’anno, in via del tutto eccezionale, i ripascimenti sono iniziati i primi giorni di maggio (il 3), invece di fine giugno o luglio, come usuale. Pensavo che il sindaco volesse fare una bella figura per le elezioni del prossimo 10 giugno, ma mi sono evidentemente sbagliato.

Ghiaino stondato di fiume utilizzato fino al 2015

I costi finali sono sostanzialmente i soliti, da molti anni, i soliti 40mila euro di soglia per evitare la gara obbligatoria, che con i vari oneri e tasse superano di poco i 50mila euro, dallo scorso anno gentilmente forniti dalla Regione Liguria. Proprio nell’anno passato, poi, 6.028,89  euro lordi se ne erano andati per il solo progetto (!) affidato ad uno studio esterno, mentre quest’anno si è ritornati al piano fatto in casa dal geom. Benabbi, responsabile dei LL.PP.. Tanto, se si fa come nel 2017, il progetto serve a poco, visto che non si è rispettato, evitando di posare materiale in vaste aree interne dei litorali e alcune spiaggette ritenute minori (a quanto pare), come quella libera ad ovest dello stabilimento Sporting Beach, nonostante fossero previste dal piano. Chissà perché. Su questi aspetti, vedremo come proseguono le cose per quest’anno.

Invece, per ora, vorrei descrivere il materiale utilizzato e alcune modalità di lavorazione.

Nel primo giorno di lavoro (03.05.18) è arrivata una massa di roba, per fare riempimento, che non capivo bene cosa fosse (v. foto sotto). Mi sono trattenuto dal dare un giudizio negativo nell’immediato, infatti il giudizio non poteva essere negativo, ma assolutamente negativo. Un conglomerato di sassi (stondati si, probabilmente di fiume) di 10-20 cm., ma in quantità decisamente inferiore rispetto alla grande massa composta da roba che non saprei bene come definire, un tritato di cava misto a ghiaino, in cui prevale il tritato. Comunque materiale inadatto per fare da riempitivo per un ripascimento costiero, visto che un’onda la fa sparire via in un secondo, guardate l’acqua torbida in foto. Non per nulla è stato sistemato lungo la battigia e poi ricoperto.

Conglomerato posato nei primi giorni di lavoro (03.05.18)
Conglomerato posato nei primi giorni di lavoro (03.05.18)

Mi chiedevo se il termine conglomerato fosse adeguato, ma letto il dizionario, si direi che è il termine esatto: “materiale costituito da una mescolanza di sostanze incoerenti e leganti, impiegato nelle costruzioni edili e stradali“.

Vediamo il dettaglio della grande massa di un cumulo come quello, una volta asciutto, perché è stato portato umido-bagnato (per la pioggia immagino), ma non lavato data la torbidità marina.

Dettaglio del conglomerato posato nei primi giorni di lavoro (03.05.18)
Dettaglio del conglomerato posato nei primi giorni di lavoro (03.05.18)

 

A parte il colore, direi terra e anche un po’ fecale, ma che roba è? La massa portante è formata da sabbia? No, non direi, vediamo una foto ulteriore più nel dettaglio ancora.

Massa portante del conglomerato posato nei primi giorni di lavoro (03.05.18)

Non è certo una sabbia da litorale dignitoso, si direbbe un macinato/tritato molto disomogeneo e con molta molta polvere, molto pulviscolo. Una roba che infatti è stata messa sotto, non sopra. Ma possibile che per fare da base si metta materiale di questa consistenza, oltre ad essere adatta per un fondo stradale e non una spiaggia? Sindaco, a lei, ARPAL e Capitaneria di Porto, ho già mandato due PEC, oggi arriverà la terza, non potrà dire di non aver saputo, visto che i lavori indecenti dei ripascimenti 2017 hanno avuto l’approvazione finale dell’ente dal lei amministrato. Mi pare, poi, che lo scorso anno ARPAL si fosse un po’ destata, menomale.

Vediamo ora il materiale di “rifinitura” portato negli ultimi giorni. Siamo alle solite, uno spezzato di cava con qualche traccia di stondato, anche questo più adatto all’ANAS che ad un litorale frequentato dai bagnanti.

Cumulo di spezzato di cava (07.05.18)
Cumulo di spezzato di cava (07.05.18)
Spezzato di cava per rifinitura del 2018 (07.05.18)
Spezzato di cava per rifinitura del 2018 (07.05.18)

Vorrei far notare la differenza con il dettaglio del ghiaino stondato di fiume utilizzato fino al 2015, qui sotto.

Ghiaino stondato di fiume, usato sino al 2015
Ghiaino stondato di fiume, usato sino al 2015

Non sono dettagli, gli spigoli e il colore contano, soprattutto in zona UNESCO.

Nelle prossime puntate vedremo il resto.


Aggiornamento del 14.05.18

Questa è la torbidità effetto dello spezzato di cava. Notate, in contrasto, come è scura la riva che è stata bagnata.

08.05.18 torbidità e effetti dei ripascimenti 2018

Falò cancerogeni e soldi buttati per ripulire le spiagge dai detriti

A Sarzana ed Ameglia, due comuni del levante ligure, come in molti altri comuni liguri e toscani, si preferiscono fare prima i falò cancerogeni in spiaggia e poi, dato che il materiale è tanto, buttare parecchi soldi nel trasporto di tronchi e ramaglie, magari da bruciare in impianti a biomasse, per nulla innocui pure quelli.

30.03.16, Portovenere (SP): smaltimento rifiuti

Un pessimo esempio di cultura ambientale. Gli amministratori pubblici, in particolare quelli liguri e della Toscana costiera, pensano che la legna spiaggiata sia buona da bruciare, a piacere, in spiaggia o in impianti a biomasse. Cosa assolutamente non vera, perché produce diossine, particolato e numerose altre sostanze cancerogene. Purtroppo la fa da padrona un po’ l’ignoranza e un po’ la finta ignoranza. Ma pure in materia giuridica.

L’assessore Massimo Baudone del Comune di Sarzana (SP), in questo caso, fa un cattivo servizio pubblico dichiarando: “Così come bisogna essere chiari sul fatto che la legna spiaggiata non è rifiuto speciale, come affermato sempre dalla Consulta di Marinella (non so sulla base di quali particolari competenze peraltro), in quanto già la delibera regionale lo definisce “materiale” e non rifiuto, così come stabilito dal ‪DL 152‬/06 art. 183.“.
Il citato articolo non definisce la legna spiaggiata come “materiale”, ma semplicemente fa un elenco di definizioni usate nell’articolato di legge, nulla più. Sono altri gli articoli che vanno nel merito. Se proprio lo vuole sapere, l’assessore dovrebbe già sapere che l’art.256-bis del testo unico ambientale (D.Lgs. n.152 del 03.04.2006, a cui faceva riferimento) recita: “Art. 256-bis. (Combustione illecita di rifiuti). 1. Salvo che il fatto costituisca più grave reato, chiunque appicca il fuoco a rifiuti abbandonati ovvero depositati in maniera incontrollata è punito con la reclusione da due a cinque anni. Nel caso in cui sia appiccato il fuoco a rifiuti pericolosi, si applica la pena della reclusione da tre a sei anni. Il responsabile e’ tenuto al ripristino dello stato dei luoghi, al risarcimento del danno ambientale e al pagamento, anche in via di regresso, delle spese per la bonifica.“.

Proprio per questo, alcuni comuni come il suo (Sarzana), hanno fatto delibere collegate ad una legge regionale che deroga da questa norma, sulla base di dichiarazioni di calamità (vere, presunte, costituzionalmente o meno, molto meno). Sappia assessore che tale materiale legnoso entrato in contatto con l’acqua di mare, quando combusto, rilascia sostanze cancerogene e particolato, in misura molto maggiore, rispetto ad altre condizioni. Inoltre, è pure dannoso per gli impianti a biomasse, perché la presenza di cloruri (sale marino), durante la combustione, produce acido cloridrico che corroderebbe gli impianti (secondo il parere del dott. Federico Valerio, chimico ed esperto in combustione biomasse).

Infine, molti comuni fanno finta di non conoscere il parere ISPRA dato alla Regione Liguria n.1128 del 09.01.14. Leggete qui: http://partigianocivico.it/wp/index.php/2017/12/24/la-salute-abbruciamenti-spiaggia-pratica-cancerogena/

Ci sono ditte che hanno i mezzi per tritare in loco, perché si risparmia e si compatta il materiale da trasportare. Diventa più semplice la rimozione e meno costoso il trasporto, si fanno meno viaggi. Non si devono fare cataste ulteriori temporaneamente in attesa della rimozione come si sta facendo ora. Se poi si vuole fare come si è sempre fatto, bruciare in loco a danno dell’ambiente e della salute, per poi accorgersi che non è sufficiente e trovarsi all’ultimo momento a fare guadagnare paccate di soldi a ditte che rimuovono in maniera meno intelligente, che dire?

Per chi non dovesse capire la soluzione, ovvero triturare il materiale in loco per farne compost, risparmiando notevolmente sul trasporto di ramaglie e tronchi, consiglio di vedere questo filmato: https://www.youtube.com/watch?v=-65AwWnMCIc&app=desktop

Oggi su Il Secolo XIX – La petizione #salvalespiagge ha superato le 11mila firme

Oggi la petizione #salvalespiagge sulla cronaca locale, edizione La Spezia, del giornale Il Secolo XIX.

In realtà, ad oggi, abbiamo già superato le 11mila firme e puntiamo a consegnarle al prossimo governo, ma non solo, all’Unione Europea.

Per ogni dettaglio:
https://www.change.org/p/ministero-dell-ambiente-salviamo-una-spiaggia-per-salvarle-tutte-prima-che-sia-troppo-tardi

Grazie a Sondra Coggio, giornalista de Il Secolo XIX, che segue la petizione e le vicende locali, in parte sintetizzate nell’articolo.

#salvalespiagge Il Secolo XIX

Riqualificazione della baia dell’Olivo e mistificazione – Portovenere (SP)

  • I costi originari degli oneri di urbanizzazione per il prolungamento della passeggiata, riqualificazione del litorale e altro, erano di 180.059,80 euro, coperti da fidejussione bancaria dei privati, che non aggiungeranno un euro. Infatti, sono i 200mila euro e rotti del privato ad oggi, che includono gli interessi bancari/legali maturati. Ora i costi DECUPLICANO e SONO A CARICO DELLA COMUNITA’
  • La presa in gestione dei parcheggi pubblici (49 posti auto), interni a Le Terrazze, fu bloccata dal sindaco Cozzani già nel 2013
  • La gestione dei 49 posti auto interni pubblici non va lasciata, in conflitto di interesse, ai titolari de Le Terrazze
  • Il progetto NON e’ il frutto del percorso partecipato, perché vi è stato solo un percorso di ascolto, MAI sfociato in partecipato

Parliamoci chiaro, un sindaco avrebbe il dovere di parlare seriamente dei fatti e dei documenti ufficiali, non di distorcere la realtà a beneficio della propria campagna elettorale. Si parla tanto di bufale e fake news, io direi che si tratta di illusionismo ma, invece di usare colombe e conigli bianchi, si usano sule e cagnolini. Di questo mi rattrista che un organo di stampa venga utilizzato a tale scopo.

In questo articolo mostrerò anche carte ufficiali, mai pubblicate sino ad ora dal Comune, mi riferisco alle ultime due amministrazioni, in particolare: Pistone-Nardini (io lo scrivo così sin dal 2011) e Cozzani. Sarà solo un assaggio, per non creare confusione a chi non è avvezzo alla questione, ma saranno sufficienti per dare cognizione esatta, integrando anche ciò che ho già pubblicato sul mio blog.

Riavvio ritardato del progetto e propaganda elettorale

In realtà parliamo di un’operazione a scoppio ritardato e con grandi perdite per la collettività. Per carità, i ritardi e le colpe sono ben distribuite tra le amministrazioni comunali che si sono succedute dal 2004 (incluso il commissario prefettizio), ma il sindaco Cozzani poteva sicuramente intervenire qualche anno fa, almeno a tutela dei parcheggi pubblici e delle relative entrate comunali, lasciate in bando senza una gestione, o meglio, lasciate di fatto al privato per 10 anni, o più. Ora, a pochi mesi dalle elezioni, il tutto ha un sapore amaro di trovata propagandistica, dato che sarà impossibile vedere,  prima delle elezioni, risolta in concreto la situazione parcheggi pubblici presso Le Terrazze e costruito il prolungamento della passeggiata (con sistemazione del litorale), atteso dal 2004, oltre ad altri oneri come il campo di calcetto.

Decuplicate le spese per la collettività

Leggo l’articolo de La Nazione del 14.01.17, dal titolo “Riqualificazione del Seno dell’Olivo. La giunta Cozzani dice sì al progetto, mi chiedo se si tratti di un’operazione di mastoplastica di una qualche signora, magari un po’ âgée. Leggo di amici a quattro zampe e parcheggi pubblici che rimangono di fatto (di nuovo!) in mano al privato. Cerco di focalizzare, poi capisco che è il titolo che mi disorienta, perché sarebbe stato più corretto scrivere: “Il progetto della giunta Cozzani prevede decuplicate le spese a carico dei cittadini“.

Articolo La Nazione commentato

Eh si, decuplicate, perché il progetto di riqualificazione, sostanzialmente, è formato dagli oneri di urbanizzazione a carico dei titolari de “Le Terrazze”, mai edificati dal 2004 ad oggi, con un problema in più: il prolungamento della passeggiata è a scomputo, ovvero a carico dei cittadini. Ma in origine, il carico sui cittadini doveva essere coperto interamente dalla fidejussione stipulata dal soggetto attuatore (Le Terrazze). Quindi, il ritardo, è stato utile al soggetto attuatore per farsi i fatti propri, avviare l’attività senza oneri di urbanizzazione eseguiti, prendere tutti i ricavi delle proprie attività (residence, ristorante, bar, stabilimento balneare) e parcheggi a pagamento, in buona parte a destinazione pubblica.

Quando scrivo che il costo in origine per i cittadini doveva essere inglobato nella fidejussione di allora, non scherzo, basta leggere il computo metrico estimativo del progetto allegato alla convenzione del 2004 (repertorio n.3650), che è stato la base della fidejussione richiesta. Nel computo metrico estimativo si scrive “EURO 180.059,80” (gli 80 centesimi escono dalla fotocopia), e quella cifra è stata esattamente richiesta come fidejussione a pag. 16 della convenzione stipulata nel 2004, per gli oneri di urbanizzazione primaria. Facciamo, perciò, i conti finali. Costo iniziale 180.059,80 euro, costo finale (secondo La Nazione) 1.860.293,00 euro. Che dite, ci siamo a dieci volte? Anzi di più!

Quindi puntualizziamo bene, quello che nell’articolo de “La Nazione” si mette come “Le Terrazze finanzieranno il completamento dei lavori con 223.293 euro“, non è altro che la fidejussione versata nel 2004, rivalutata con gli interessi legali/bancari. Non sono favori, o gentilezze, o trovate stupefacenti del sindaco. Il privato non ci mette un euro in più rispetto a quando ha stipulato la convenzione, ma saranno stati i cittadini a spendere, grazie alle vendite degli immobili comunali e agli introiti che avrebbero potuto essere usati per scopi diversi.  Vogliamo credere alle righe finali e sperare che ulteriori soldi non escano dalle nostre tasche, visto che “la progettazione definitiva ed esecutiva sarà a carico del privato“, come del resto doveva essere sin dall’origine?

C’è poi da chiedersi come si sia conclusa la questione degli oneri di urbanizzazione secondaria, garantita da un’ulteriore fidejussione di euro 107.439,46. Perché di questo io non ho trovato nulla nelle carte che mi sono state date tempo addietro.

Comunque bravo il sindaco Cozzani, che da esperto mago Silvan, spaccia lucciole per lanterne. Il completamento delle opere è a carico del privato dall’origine. Non è un regalo dell’amministrazione comunale attuale, ma i soldi (ora) sono quasi tutti a carico del pubblico.

I fantasmi del passato non risolti nel presente

Per il passato, c’è da chiedersi perché il Comune non abbia preteso, prima del rilascio delle certificazioni di agibilità e delle licenze commerciali, l’esecuzione degli oneri di urbanizzazione, ma abbia chiuso un occhio, e l’altro pure. Cozzani, forte della convenzione del 2004 (a pag.18), avrebbe potuto ritirarle (licenze e/o agibilità), o quantomeno intimarne la sospensione, ed accelerare tutto quanto, sin dal 2013, perché la storia la conosceva bene, dato che stava in opposizione in Consiglio Comunale. Ma così non è stato.

Convenzione del 2004, pag.18
Il sindaco Cozzani fermò la presa in carico dei parcheggi a destinazione pubblica interni a Le Terrazze: 49 posti auto in totale

Ma Cozzani ha un’altra colpa (politica), quella di aver sospeso/bloccato sul nascere la presa in gestione dei parcheggi pubblici interni a Le Terrazze prevista già dal 2013, a termine mandato di Nardini (un frutto avvelenato?), che non sono solo i 17 posti davanti al residence (parcheggio pubblico esterno A e B), oltre a 4 posti nascosti (chi li vede?) nella struttura dello stesso residence (parcheggio pubblico coperto “E”) , ma sono anche i 28 posti nel comparto da ultimare (parcheggio pubblico esterno C e D). Tutti in superficie (livello 0) per un totale di ben 49 posti auto pubblici. Mentre interrati (oltre a 10 posti privati in superficie), mai edificati nel comparto da concludere, dovevano esserci altri parcheggi privati, oltre al campo di calcetto sopraelevato. La cosa la possiamo vedere riassunta nello schema standards livello 0 allegato all’ultima variante approvata del 2008.

Ma ecco perché ho scritto che il sindaco Cozzani ha lasciato cadere la presa in carico della gestione dei parcheggi pubblici all’interno del P.U.O. Le Terrazze, perché ci sono le carte che ce lo dicono. Sono i documenti che il Pubblico Ministero aveva avuto dal Comune tramite i Carabinieri, nel corso delle indagini a mio carico per la querela del sindaco, da cui sono stato assolto lo scorso 20.02.17, sono le due lettere interne al Comune (ma non solo), che riporto qui avanti.

Il percorso NON partecipato e le note interne al Comune del 2013, ai fini di una celere presa in carico della gestione dei parcheggi pubblici interni a Le Terrazze

Il percorso di ascolto nel 2012, non confluì mai in un percorso partecipato, leggete Grondacci. Cosa che, quindi, non ha compiuto nemmeno il sindaco Cozzani, diversamente da quanto riportato da La Nazione. Nardini nei primi mesi del 2013 diede mandato agli uffici di attivarsi per l'”adempimento relativo alle opere di immediata attuazione preliminari alla presa in carico e attivazione della funzionalità del parcheggio pubblico (c/o ingresso struttura ‘Le Terrazze’)“. Nelle note interne del 02.04.13 e del 12.04.13, risulta che l’ufficio tecnico, a nomi Ottolini e Nadotti, sollecitò la Polizia Municipale, nella persona dell’allora comandante Pruzzo, di operare ai fini di una “celere approvazione ed attuazione dell’intervento e la presa in carico delle opere di urbanizzazione di uso pubblico entro la stagione estiva“. Pochi giorni dopo, le stesse, relazionano in merito a quanto deve effettuare il soggetto attuatore (Le Terrazze) per una “celere definizione degli interventi minimi per consentire l’effettiva gestione delle aree pubbliche“. Si tratta di opere necessarie per regolare la circolazione e la sosta dei veicoli, interna ed esterna al P.U.O. Le Terrazze. Ovvero, la sistemazione di segnaletica orizzontale e verticale, di un semaforo per regolare il senso unico alternato all’ingresso del complesso turistico ed ulteriori elementi per individuare e proteggere i percorsi pedonali. Tutte opere che non furono mai fatte. Solo l’anno successivo (2014), ma per la sola area esterna al P.U.O. , si installò tutt’altra cosa, un sistema a display che indicava i posti auto disponibili, conteggiando solamente, però, quelli esterni al P.U.O. Le Terrazze e NON quelli interni. Cosa rimasta invariata ad oggi.

Fu un frutto avvelenato di Nardini? Non lo sappiamo. Io credo che Nardini fosse certo di venire rieletto, ma così non fu e Cozzani non proseguì in quel senso. Che la decisione fosse nelle facoltà politiche del sindaco non ho dubbio, ma mi chiedo perché abbia tralasciato la cosa per tanto tempo pure lui.

La gestione prevista oggi dei posti auto (49) pubblici, interni a Le Terrazze

La gestione, ora citata nell’articolo de La Nazione, dei parcheggi pubblici da parte del privato, soprattutto degli stessi che ne hanno usufruito liberamente, fino ad oggi, appare in violazione della convenzione originaria (che andrebbe cambiata). Sempre che il tutto sia legale, ovvero nell’interesse pubblico. Infatti,  ciò potrebbe essere un ulteriore danno per la comunità, anche per il futuro, a vantaggio del solito privato, dato che il canone fisso annuo di 29mila euro potrebbe tornare a svantaggio della comunità. Perché non farli gestire, casomai, ad una società terza, per eliminare alla radice ogni conflitto di interesse di quel privato, nella gestione di quell’area? Credo sarebbe più a tutela di tutti.

La conclusione del progetto del sindaco Cozzani che NON è partecipato

Si va a concludere il progetto, ma fino al 20 febbraio 2017, il sindaco non è riuscito a portare in Tribunale una sola carta sull’avanzamento. Mi riferisco alla conclusione del processo per la querela a mio carico (assolto), accusato per aver scritto della sospensione/blocco del progetto, come riferito da DUE pubblici ufficiali. E’ solo dopo il 20 febbraio 2017 (conclusione del processo) che hanno cominciato a vedersi attività burocratiche più concrete. Il progetto NON e’ il frutto del percorso partecipato, perché vi è stato solo un percorso di ascolto, MAI sfociato in partecipato. La copertura economica è un bagno di sangue per il Comune (ovvero la comunità), che deve alienare beni immobili e utilizzare cospicue somme in cassa, prima non previste per questo. Il privato non finanzia più nulla dal 2004, in quanto i 223.293 euro non sono altro che la cifra della fidejussione bancaria del 2004 (180.059,80 euro) con gli interessi bancari/legali maturati. I costi totali del progetto, quindi, DECUPLICANO a 1.860.293 euro. La progettazione è sempre stata a carico del soggetto attuatore, ovvero Le Terrazze.

Gli spazi per la balneazione, sule e novità non documentate. Si pubblichino le carte

Se l’intenzione, come aveva già previsto la giunta Pistone-Nardini, è quella di spostare i pontili verso lo Sporting Beach, ovvero frontalmente alla piccola spiaggia libera abbandonata da decenni (perché mai consolidata con ripascimenti), pare difficile aumentare gli spazi della balneazione. SI PUBBLICHINO LE CARTE. Attualmente i pontili non stanno davanti al residence, ma davanti abitazioni private prima de Le Terrazze. Strano, poi, che non si conosca (nemmeno a spanne) la dimensione della nuova spiaggia ipotizzata. Che razza di progetto preliminare è? Con lo spostamento dei pontili appare poi poco credibile tutelare le DUE barche delle sule. Si vedano le carte. Si tenga anche conto che, liberare il tratto di costa ora occupato dai pontili, non significa guadagnare una spiaggia, ma una zona cementificata e pavimentata. Si vuole demolire il tutto (con che spese?) per creare un arenile accettabile?

possibile intenzione nel progetto

C’è ancora da aggiungere, le carte non terminano certo qui.

Balneari in balìa dei balenghi

Un paio di giorni fa ho letto un articolo stupefacente, del tutto vaneggiante, su “Il Giornale” titolato “Balneari l’UE dà ragione alla Liguria” (in prima pagina) e “Balneari, la UE sostiene la via ligure” (nell’interno), in cui si scriveva che l’UE approva l’estensione delle concessioni per un MINIMO di 30 anni (!!!). Cosa che non contrasterebbe con la direttiva Bolkestein (certo, come darsi le martellate sulle dita). Si tirava fuori uno studio redatto su mandato della Commissione europea. Eppoi giù virgolettati di Marco Scajola che assieme a Toty (con la y) hanno fatto le cose per bene, a discapito di quanto dice il governo: “le due leggi liguri, a questo punto, hanno la benedizione UE“. Leggi su estensione delle concessioni per minimo 30 anni e poi tutele per i concessionari. Immagino anche fiaschi d’olio e vino a volontà. Dopo di che passiamo alla vendita dei litorali e la chiudiamo qui. Ora, ops… le stupefacenti leggi liguri sarebbero anticostituzionali e il governo le impugna. Certo, se poi le elezioni vanno come si teme dai sondaggi, addio demanio marittimo! La cosa vergognosa è che fra queste due leggi ci siano stati voti trasversali da parte del PD ligure stesso e astensioni della sinistra (Pastorino – Battistini). Una ha avuto l’unanimità e l’altra 5 contrari (Mov5Stelle) e 2 astenuti (Rete a sinistra & liberaMENTE-Liguria). Sarebbe ora di mettere ordine in questa svendita di fatto già avvenuta delle nostre coste.

Tra l’altro ho recuperato lo studio UE e non scrive per nulla che la Liguria ha ragione o approva tali idee a prescindere dalla Liguria, che poi non viene nominata se non su sentenze del TAR Ligure che non danno ragione alla Regione. Interessante, anzi, leggere questi passaggi a pag. 59 nella versione italiana e poi le conclusioni alla fine:

Alla luce delle esposte considerazioni, appare, quindi, possibile, delineare le seguenti
proposte operative, nel rispetto dei criteri sopra enunciati.
Per le nuove iniziative imprenditoriali da insediare su aree disponibili, la sola “opzione” di regolazione coerente con il principio di concorrenza sembrerebbe, dunque, riconducibile alla previsione generale della gara pubblica, congegnata anche in modo da fornire incentivi al corretto uso delle aree. Tra i criteri di selezione, andrebbero valorizzati i progetti di sviluppo e tutela delle aree utilizzate (oggetto di verifiche successive e con prevista applicazione di sanzioni di decadenza, in caso di inadempimento). Come suggerito dall’AGCM, «l’ente concedente potrebbe dare, inoltre, indicazioni in sede di gara in merito al tipo e all’entità degli investimenti che i nuovi concessionari saranno chiamati ad effettuare».
In tal senso, le disposizioni maggiormente innovative ed articolate sono rinvenibili nelle
normative regionali introdotte dal Friuli Venezia Giulia, dall’Emilia Romagna, dalla Campania e dal Veneto.“.

E le conclusioni: “Alla luce delle esposte considerazioni, quel che appare certo è che occorre individuare soluzioni – rispettose, in primo luogo, dei principi di concorrenza, non discriminazione, parità di trattamento tra gli operatori nonché degli altri interessi generali coinvolti – che evitino ingiustificati aggravamenti della disciplina delle concessioni demaniali in Italia rispetto a quanto applicato in altri Stati membri dell’UE: un tale intervento rischierebbe di vanificare l’effetto utile dei Trattati e risulterebbe, inoltre, in contrasto con i canoni ammessi dalla giurisprudenza della Corte di Giustizia e con gli stessi obiettivi perseguiti dalle Istituzioni europee nella funzione di “armonizzazione” del comparto balneare.“. [http://www.europarl.europa.eu/RegData/etudes/STUD/2017/596809/IPOL_STU(2017)596809_IT.pdf (link dal sito UE) – IPOL_STU(2017)596809_IT (link locale)]

Divertente poi Marco Scajola, in previsione delle due citate leggi regionali, se avrete la pazienza di sentirlo nel video, che ammette l’incompetenza della Regione a legiferare in tal senso e poi stupirsi che il governo le impugni. Faccia pace col cervello, assieme ai cervelli di Toty (con y) & C..

2014_01_09 Parere ISPRA 1128

La salute, dopo di tutto. Abbruciamenti in spiaggia una pratica cancerogena

Alcuni Comuni continuano ad autorizzare i falò in spiaggia, ma per ISPRA: “Non si ritiene, invece, opportuno, sotto il profilo ambientale e della tutela della salute, sottoporre il materiale ligneo ad abbruciamento in situ, anche in considerazione dell’elevata produzione di particolato e di altre sostanze nocive prodotte dalla combustione della legna in condizioni non ottimali.“.

In questa penisola siamo abituati a vedere (e a subire) permanentemente, il primato di tutte le questioni possibili ed immaginabili a danno della nostra salute e dell’ambiente.

Il lavoro e i lavoratori dell’ILVA vengono prima dei morti di cancro, il referendum spezzino sulla centrale ENEL a carbone viene dopo, i livelli di arsenico nell’acqua in diverse zone del centro Italia vengono dopo, quindi si alzano i livelli tollerati per legge. Se ne potrebbero fare a migliaia di esempi. Il lavoro, gli interessi economici e il metodo più semplice per risolvere, prevalgono sempre sulla salute pubblica. E chissenefrega!

Fra tutto ciò, troviamo una pratica deleteria per la salute e l’ambiente andare alla grande nel nostro paese, anche in violazione delle direttive europee (speriamo arrivi presto una sanzione), la pratica delle combustioni di materiali vegetali open air. Normale prassi agricola? Già. Normale prassi agricola idiota e cancerogena. Idiota perché esistono anche in agricoltura metodi intelligenti di compostaggio, ne avevo scritto qui. Cancerogena perché da tempo, studi tecnico-scientifici, indicano la combustione di legna e biomasse, fonte di diossine, particolato, benzene ed altre sostanze dannose, CANCEROGENE, per la nostra salute e l’ambiente. Sostanze che entrano nell’ecosistema, che respiriamo, beviamo, mangiamo e si accumulano nel nostro organismo per tutta la vita. Ne avevo già scritto qui.

Pure i semplici caminetti a legna (e stufe a pellet) sono fonte elevata di inquinamento, ben conosciuta in Europa. Le varie agenzie regionali per la protezione dell’ambiente lo sanno bene, alcune molto bene e lo scrivono (Lombardia, Piemonte ed Emilia Romagna), altre lo sanno ma fanno finta di non sapere, o di sapere meno. A questo proposito vi invito a vedere la puntata del 20.11.17 di REPORT su RAI3. Questa una parte introduttiva:

“Oggi il riscaldamento a legna pesa per il 65% sul totale delle emissioni nazionali di particolato, per il resto causate da traffico, attività agricole e industriali. Ma c’è differenza tra un camino tradizionale aperto e una stufa ad alto rendimento energetico, che consuma poco e di conseguenza emette meno polveri nell’aria. La legna è considerata fonte energetica rinnovabile e in quanto tale andrebbe favorita secondo l’accordo sul clima di Parigi firmato dall’Italia. Dipende però da come si brucia. Secondo l’Arpa Lombardia una tonnellata di legna permette di evitare l’emissione di circa 80 kg di CO2 se bruciata in un camino aperto e di circa 900 kg di CO2 se bruciata in una stufa efficiente.”

Detto ciò, appare del tutto assurdo che si continui a praticare la combustione del materiale legnoso (o anche solo vegetale) sulle spiagge, quando periodicamente ci ritroviamo il problema degli accumuli dovuti alle condizioni meteo-marine. Anche in questo caso, viene prima la soluzione facile, liberarsi prima possibile del materiale, invece di pensare a tutelare la nostra salute e l’ambiente. Non solo, questo materiale “naturale”, ha subìto una vera e propria “contaminazione” entrando in contatto con i sali di sodio dell’acqua marina, perciò materiale che combusto genererà una: “(…) “elevata produzione di particolato e di altre sostanze nocive prodotte dalla combustione della legna in condizioni non ottimali.” (…)”. Lo scrive ISPRA nel suo parere dato alla Regione Liguria n.1128 del 09.01.14.

2014_01_09 Parere ISPRA 1128

Quindi, ISPRA non ritiene opportuno per ambiente e salute bruciare la legna spiaggiata “in situ”, ovvero sulle spiagge. E nelle pieghe della frase: “… particolato e di altre sostanze nocive prodotte dalla combustione della legna in condizioni non ottimali.“, si vuole intendere che quella legna, non solo ha assorbito sali di sodio, ma che bruciarla all’aria aperta, ad un punto di combustione più basso (rispetto ai caminetti, soprattutto quelli chiusi) è ulteriore causa di produzione di sostanze nocive… diciamolo chiaro cancerogene!

Detto questo che abbiamo? Come ogni anno la solita giostra delle ordinanze comunali, lungo tutto la penisola, in particolare in Liguria e Toscana (v. Lerici e Ameglia in provincia di La Spezia), che non solo allargano le maglie già ben allargate di una normativa all’italiana (in violazione delle direttive europee sulla qualità dell’aria), ma che addirittura citano il parere ISPRA qui sopra e ne omettono, guarda caso, l’ultimo comma, quello in cui non si ritiene opportuno l'”abbruciamento in situ“. Tra l’altro, mi pare che ISPRA sia stata già molto “generosa” nel concedere ai privati di bruciare tali rifiuti da trattare a casa propria, con buona pace della salute di tutti. Vediamo, almeno, di evitare di danneggiare la gente che abita lungo i litorali, ambiente incluso.


Aggiornamento del 27.12.17

Grazie a Sondra Coggio per sensibilizzare sull’argomento che pare ostico a chi dovrebbe tutelare la salute pubblica. Aggiungerei anche il fatto che appare chiaro che tale materiale spiaggiato non sia derivato direttamente da attività in qualche modo organizzata, perciò equivalente a rifiuti abbandonati e/o depositati in maniera incontrollata. Cosa c’è di più incontrollato di uno spiaggiamento dovuto a eventi meteo-marini? Quindi pare chiaro, oltremodo chiaro, che possa applicarsi l’art.256-bis del testo unico ambientale (D.Lgs. n.152 del 03.04.2006) per il quale: “Art. 256-bis. (Combustione illecita di rifiuti). 1. Salvo che il fatto costituisca piu’ grave reato, chiunque appicca il fuoco a rifiuti abbandonati ovvero depositati in maniera incontrollata e’ punito con la reclusione da due a cinque anni. Nel caso in cui sia appiccato il fuoco a rifiuti pericolosi, si applica la pena della reclusione da tre a sei anni. Il responsabile e’ tenuto al ripristino dello stato dei luoghi, al risarcimento del danno ambientale e al pagamento, anche in via di regresso, delle spese per la bonifica.“. Evitando e tagliando corto su tutti gli altri sprechi di parole, grazie ad una normativa sempre ambigua, ma non in questo caso.