Archivi tag: soc. partecipate

Portovenere: partecipate comunali, un po’ di trasparenza – Parte II

Per le iniziative territoriali 2016-17 promosse dalla Porto Venere Servizi Portuali e Turistici s.r.l., percepiscono i maggiori introiti il Grand Hotel di Portovenere, il Bar Gelateria al Gabbiano, l’affitta camere “La Darsena” di Giovanni Dotti e “Garbo Wine and Food” di Andrea Cavallo. La società sportiva Forza e Coraggio di Le Grazie, riceve un sostanzioso sostegno diretto e indiretto, per le proprie attività sociali.

In questa seconda parte mi soffermerò esclusivamente sulla Porto Venere Servizi Portuali e Turistici s.r.l., che ha limitato al minimo le evidenze documentali relative al mio accesso agli atti. La mia ricerca si è limitata alle attività di “promozione del territorio e lo sviluppo del marketing territoriale del Comune di Porto Venere“, per i soli anni 2016-17, proprio come definito al primo punto del loro oggetto sociale. Ho quindi ristretto l’analisi ad un preciso capitolo, o ambito di spesa e non all’intero bilancio.

Come scritto nel precedente articolo, la Porto Venere Servizi Portuali e Turistici s.r.l., capitale sociale 100.000 euro, è al 51,12% partecipata comunale e per il resto ad azionariato diffuso. Gran parte dei soci di minoranza posseggono lo 0,47% delle quote per un valore di 470 euro, un paio di soci detengono lo 0,94% e poi vengono gli altri, poco più di un centinaio in tutto. Nella lettera inviata dal C.d.A. mi specificano che la società non è controllata dal Comune di Portovenere. Interessante, avrebbe una guida del tutto autonoma dall’amministrazione comunale. Le entrate sarebbero dovute esclusivamente alle attività svolte: porto di Portovenere, stabilimento Arenella, porto delle Grazie, pontile Lulworth, gru di Portovenere, gru delle Grazie e gru di Fezzano. Opera in un mercato concorrenziale.

Nell’ambito della promozione territoriale, mi specificano che l’evento “Azimut Rendez-V Marine” del 7, 8 e 9 luglio 2017, che ha visto impedito l’accesso pubblico alla banchina del porticciolo di Portovenere, è stato organizzato dalla sola V Marine s.r.l., la quale ha noleggiato n.32 ormeggi. Si mantengono riservati in merito all’entità delle due fatture emesse per tale occasione ma, a quanto traggo da giornali e social, l’ammontare percepito sarebbe stato di 15.000 euro, oltre a presunte ricadute presso gli esercenti locali. Il Comune, in tutto ciò, non avrebbe avuto alcuna gestione diretta o indiretta. La società, in quanto concessionaria, mi scrivono, può disporre la chiusura degli accessi al porticciolo (ad esempio per la piscina naturale, o altri eventi come regate), senza per ciò andare in contrasto con le prescrizioni demaniali a proprio carico.

Quindi, per gli anni 2016-17, la maggiore voce di spesa per la promozione del territorio è dovuta all’organizzazione delle regate Melges. In tale ambito, le spese riguardano pagamenti agli operatori economici del territorio di Portovenere, per pernottamenti, pranzi e cene. Oltre a ciò, la società contribuisce ad offerte benefiche nei confronti della Pro Loco di Portovenere e Le Grazie, oltre alla Pubblica Assistenza Croce Bianca di Portovenere, che è anche socia nel capitale. Ha finanziato anche la società sportiva Forza e Coraggio ASD, contribuisce alle spese per l’organizzazione di manifestazioni di interesse sociale sul territorio, come GiocoleRia e il Cantiere della Memoria per promuovere l’arte dei maestri d’ascia.

Ma veniamo ai numeri relativi alle spese complessive degli anni 2016-17 in ambito promozionale del territorio: al primo posto il Grand Hotel di Portovenere, che per le regate Melges 2016 percepisce 6.681,82 euro; al secondo il Bar Gelateria al Gabbiano, che fra regate Melges 2016-17 e “pasti per commissioni selezione personale (ormeggiatori/bagnini e spiaggisti)” 2016-17 riceve 5.727,28 euro spalmati su 5 fatture, di cui 2 riguardano complessivamente circa 160 euro per le commissioni del personale, tutto il resto le regate Melges. Al terzo posto, l’affitta camere La Darsena, che per le Melges 2016 e 2017 incassa complessivamente 5.000 euro tonde. La Darsena è proprietà di Giovanni Dotti, soprannominato “il sindaco della calata“, grande sostenitore e stretto amico del sindaco Matteo Cozzani, organizzatore di eventi locali, come “Minaccia Bel Tempo“, cassiere (o ex-cassiere) della locale borgata marinara per il Palio del Golfo. Dotti è anche il creatore del ben conosciuto gruppo Facebook “Il Comune Siamo Noi“, ben frequentato da cittadini e amministratori comunali, di cui ho scritto in più occasioni, anche per gli insulti transitati sul social.

Di seguito troviamo Garbo – wine and food“, che per forniture presso la società sportiva Forza e Coraggio, ha percepito un totale di 4.266,68 euro in due fatture tra 2016 e 2017. Su internet troviamo “Garbo Italy“, nome non registrato della ditta individuale di Andrea Cavallo con sede ad Arcola (SP), che si occupa di vendita per catalogo di prodotti enogastronomici. E’ anche sponsor della società sportiva Forza e Coraggio. La stessa società sportiva ha ricevuto contributi diretti dalla Porto Venere Servizi Portuali e Turistici s.r.l. per totali 2.650,84 euro negli anni 2016-17. E sempre finalizzato all’attività della Forza e Coraggio, troviamo che la Special Cart ha ricevuto 1.785,40 euro in tre fatture tra 2016 e 2017. Special Cart è impresa individuale di Roberto Speciale che si occupa di commercio all’ingrosso di carta, cartone e articoli di cartoleria.

Per le locandine dell’iniziativa “Cantiere della Memoria”, la Publisystem di via Fontevivo a La Spezia,  ha emesso 10 fatture tra il 2016 e 2017, per un ammontare di 1.523,00 euro. Di seguito la Med s.r.l. per la gestione del sito web ha fatturato per 1.421,48 euro, La Bottega di Rena 875,00 euro (Melges 2016, premi coppa Dallorso 2016, targhe Cantiere della Memoria), Mainoldi per la Melges 2016 ha ricevuto 1.000 euro, stessa cifra per la Pro Loco Le Grazie per il 2016. Cifre sotto i mille euro per gli altri tra cui: Le Terrazze di Portovenere 763,64 euro (Melges 2017), Torre di Porto Venere s.r.l. 736,36 euro (Melges 2017), Pro Loco di Portovenere 560,00 euro (Madonna Bianca 2017, banner sul sito 2016-17), La Pitoneta 554,55 euro (Melges 2017). Eppoi, via via, sotto i 400 euro fino a poche decine di euro altri operatori ed esercenti, poco più di una decina. Infine, la Pubblica Assistenza di Portovenere (riceve una donazione di 150 euro del 2016), ma è anche titolare di una quota (470 euro) della Porto Venere Servizi Portuali e Turistici s.r.l..

 

Portovenere: partecipate comunali, un po’ di trasparenza – Parte I

G. e B. Light Music S.r.l. e Ant S.r.l.s. di Gionata Casone e Filippo Beggi del centro-destra le società che incassano di più per gli eventi estivi 2016-17, da parte della partecipata al 100% comunale Porto Venere Sviluppo s.r.l.. Prima parte di un’analisi sui conti delle partecipate comunali.

Un po’ di sana trasparenza nei conti delle due partecipate principali del Comune di Portovenere non può che fare bene, ma non per polemizzare, perché la trasparenza migliora anche la concorrenza per chi svolge servizi, oltre a calmierarne i costi. Se un ente pubblico, direttamente, o in maniera indiretta e poco trasparente tramite partecipate, affida appalti e servizi sempre ai soliti, appare chiaro che non c’è garanzia né sulla qualità, né sulla congruità dei costi. Fare luce su questo, senza intento polemico, fa bene a tutti, perché da questo se ne ricaverà solo migliorie a vantaggio dei contribuenti, di tutti i cittadini.

Ecco perché ho ritenuto fosse necessario scardinare, almeno un po’, quella riservatezza che impropriamente avvolge le partecipate del Comune di Portovenere. In particolare la Porto Venere Sviluppo s.r.l. al 100% comunale e la Porto Venere Servizi Portuali e Turistici s.r.l., al 51,12% comunale e per il resto ad azionariato diffuso. In quest’ultima, gran parte dei soci di minoranza posseggono lo 0,47% delle quote per un valore di 470 euro, un paio di soci detengono lo 0,94% e poi vengono gli altri, poco più di un centinaio in tutto. Fra loro (sembra un elenco telefonico), molti con lo stesso cognome, alcune ditte, alcuni esercenti locali, una associazione. Alcuni tra i soci e le attività commerciali o professionali poi, hanno effettuato  servizi per conto della stessa Porto Venere Servizi Portuali e Turistici s.r.l.. Per ciò beneficiano, ovviamente, dei dovuti importi fatturati.

Senza dilungarmi troppo per non annoiare, cercherò di dividere la mia analisi su più articoli. I dati che rivelerò in questi articoli, sono stati estratti ed elaborati da quelli che ho ricevuto da poco dalle citate partecipate, a seguito di una richiesta di accesso agli atti ben mirata. Le società coinvolte sono state collaborative, anche se, per la Porto Venere Sviluppo s.r.l., ho dovuto mostrare un po’ di più le mie ferme intenzioni, ma poi è stata decisamente più generosa della Porto Venere Servizi Portuali e Turistici s.r.l., la quale si è limitata moltissimo sulle evidenze documentali, il minimo sindacale direi. Dopo tutto, però, sono riuscito nel mio intento, anche se ho limitato di molto l’ambito della mia ricerca. Solo in un caso ho trovato una società controinteressata che si è mostrata totalmente contraria al mio accesso, la Ant s.r.l.s.. A firma di Filippo Beggi scrive che: “… dichiara di esercitare il proprio diritto all’opposizione poiché i documenti di cui alla richiesta di accesso contengono informazioni inerenti i rapporti commerciali tra la scrivente e la Vs. società la cui divulgazione potrebbe nuocere agli interessi economici della scrivente“. Ma tale opposizione si è dimostrata inutile, dato che parliamo di partecipate in toto o a maggioranza comunale.

Più nello specifico, per la Porto Venere Sviluppo, la mia ricerca ha riguardato gli eventi estivi comunali dati in gestione per le stagioni 2016 e 2017. Mentre, per la Porto Venere Servizi Portuali e Turistici, ha riguardato le attività di “promozione del territorio e lo sviluppo del marketing territoriale del Comune di Porto Venere“, per i soli anni 2016-17, proprio come definito al primo punto del loro oggetto sociale. Non ho quindi richiesto e ricevuto i dati relativi a tutte le fatture attive e passive di tali società per gli anni 2016-17, ma solo quelli relativi ad un preciso capitolo, o ambito di spesa.

Dopo questo lungo e necessario preambolo, vengo al primo sguardo sui dati che ho elaborato.  Per gli eventi estivi 2016-17, la Porto Venere Sviluppo s.r.l. preferisce avvalersi della G. e B. Light Music S.r.l., con sede in via della Costa 17, la Spezia, come servizio palchi, audio e luci, la quale ha fatturato un totale eventi 2016-17 di € 76.189, divisi in tre fatture 2016 per € 29.829 e due fatture 2017 per € 46.360. Ottima crescita.

Al secondo posto troviamo la Ant S.r.l.s. di Gionata Casone e Filippo Beggi con un totale fatturato 2016-17 per € 60.784,18. Su questo la Porto Venere Sviluppo non specifica nel dettaglio in cosa consistano i servizi di tale ditta, che ha avuto lo stesso indirizzo di società della famiglia del sindaco di Portovenere Matteo Cozzani. Del resto, come già rilevato da Sondra Coggio nei propri articoli per Il Secolo XIX nell’anno 2016, Gionata Casone e Filippo Beggi fanno parte dello stesso schieramento di centro-destra del sindaco, ed hanno svolto funzioni politiche in provincia. Dal loro sito internet appuriamo che si occupano di servizi pubblicitari di stampa, realizzazione di siti internet e promozione ed organizzazione di eventi. Possiamo ben capire che siano estremamente gelosi delle loro informazioni, in merito ai rapporti commerciali con la partecipata al 100% comunale Porto Venere Sviluppo, alla quale hanno presentato n.6 fatture nel 2016 per un totale di € 48.098,38 e solo due fatture con un totale di € 12.685,80 per il 2017. Una bella frenata.

Per ora freno pure io, in modo da non rendere faticosa la lettura.